Luglio 29, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

I campioni del remo si sfidano per il Redentore.

La storia delle regate della festa famosissima

Torna anche quest’anno, in occasione della Festa del Redentore, la tradizionale regata di voga alla veneta che vede 18 regatanti veneziani sfidarsi a colpi di remate per aggiudicarsi il titolo di vincitore nella gara legata alla festa più sentita dai veneziani.  

Saranno tre le avvincenti sfide con nove equipaggi che gareggeranno su gondole a due remi e pupparini, sempre a due remi, ognuno di colore diverso dal viola al “canarin”, dal celeste al “marron”, dal bianco al rosa, rosso, verde e arancio, secondo una tradizione che va avanti dal 1843 e nata per permettere agli spettatori di seguire più facilmente la gara dalle rive. Nove colori per distinguere i nove sfidanti alle prese con uno sprint di voga alla veneta che avrà luogo domenica 18 luglio a partire dalle ore 16.00 con un percorso con partenza dal Redentore che prevede, successivamente l’attraversamento del Canale della Giudecca, quello del Canale di Fusina, il cosiddetto “giro del paleto” all’altezza di S.Giorgio in Alga per poi tornare nei pressi della Chiesa del Redentore dove si proclamerà il vincitore. 

La regata del Redentore 2021 vedrà gareggiare giovanissimi su pupparini a due remi, uomini su pupparini a due remi e uomini su gondole a due remi in tre sfide sull’acqua a partire dai più giovani alle ore 16.00 per poi passare agli uomini su pupparini alle 16.45 e, infine, la sfida più attesa, gli uomini su gondole alle 17.30. Si tratta di una gara che il Comune di Venezia rinnova da oltre cento anni con un periodo di stop vissuto dalla competizione solo negli anni che vanno dal 1925 al 1957, nel momento storico a ridosso della Seconda Guerra mondiale e Dopoguerra. 

La competizione cade ogni terza domenica di luglio in concomitanza dei festeggiamenti della “festa famosissima” e rappresenta una tappa importante della stagione remiera annuale nonché un appuntamento sportivo molto sentito dai cittadini e vissuto con passione dai protagonisti delle gare, dai veneziani, dagli appassionati di voga alla veneta e dai turisti. 

I campioni della regata del Redentore dal 1920 a oggi

Quella del Redentore è una regata che contribuisce a dare colore e folklore a una festa che attrae turisti da tutto il mondo, i cui festeggiamenti vengono arricchiti anche da una competizione sportiva “a colpi di remo” che proclama, ogni anno, i nuovi campioni di questa categoria di regatanti. 

La prima edizione della regata del Redentore risale al 1920 e ha visto come campioni del remo su gondole, secondo l’albo d’oro del Redentore, gli equipaggi composti da Giovanni Vianello, I-Cucchiero Crea e Arturo Scuciaro, vincitori di tre edizioni consecutive della regata, sostituiti, successivamente, da una coppia di regatanti che ha dominato il podio di questa gara per ben 12 edizioni, di cui 9 consecutive dal 2002 al 2011 e altre due nel 2014 e nel 2015: si tratta degli storici del remo Ivo Tezzat Redolfi e Giampaolo D’Este. Tra gli altri campioni che hanno fatto la storia di questa disciplina tutta veneziana ricordiamo anche Giuseppe Bepi Fontegher e Sergio Ciaci Tagliapietra, vincitori, e compagni di equipaggio, per ben 8 edizioni della gara a partire dal 1965 fino al 1977 e, quest’ultimo, campione della categoria già dal 1961 insieme ad Albino Strigheta Dei Rossi. 

Nelle ultime due edizioni, la regata del Redentore, nella sezione gondole a due remi, è stata vinta da Andrea Bertoldini e Mattia Colombi, campioni uscenti. Nelle categorie pupparini a due remi, invece, vincono lo scorso anno Simone Costantini e Federico Busetto mentre per quanto riguarda i giovanissimi Luca Rigo e Giorgio Sabadin si sono aggiudicati il titolo di campioni della regata del Redentore 2020.