Agosto 2, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

American Airlines si impegna a fissare obiettivi scientifici per la riduzione delle emissioni di gas serra

Prima compagnia aerea del Nord America a richiedere la convalida dall’iniziativa Science Based Targets

  • American si è impegnata a sviluppare un obiettivo basato sulla scienza per ridurre le emissioni di gas serra entro il 2035, sostenendo il suo impegno esistente di raggiungere lo zero emissioni nette entro il 2050.
  • La compagnia aerea si unisce alla campagna Business Ambition per 1,5°C e Race to Zero.
  • American ha anche concordato i termini per l’acquisto fino a 10 milioni di galloni di SAF prodotto da Prometheus Fuels.
  • Gli obiettivi basati sulla scienza contribuiscono agli sforzi per limitare l’aumento della temperatura globale ben al di sotto dei 2°C.

FORT WORTH, Texas — American Airlines ha annunciato oggi di essersi impegnata a fissare un obiettivo scientifico per la riduzione delle emissioni di gas serra (GHG), una mossa che migliorerà la strategia dell’azienda per raggiungere lo zero emissioni nette entro il 2050, allineando il suo percorso con l’imperativo globale di limitare l’aumento della temperatura ben al di sotto dei 2° Celsius e di dare ulteriore responsabilità al suo approccio.

American è la prima compagnia aerea del Nord America ad avviare il processo di validazione con l’iniziativa Science Based Targets (SBTi), una collaborazione tra CDP, United Nations Global Compact, World Resources Institute (WRI) e World Wide Fund for Nature (WWF) . In tal modo, American si impegna a sviluppare un obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2035 che sarà rivisto dall’SBTi per confermare la sua coerenza con le ultime scienze del clima.

“Stiamo costruendo American Airlines per prosperare per sempre, motivo per cui abbiamo fissato un obiettivo ambizioso per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050”, ha affermato Doug Parker, presidente e CEO di American Airlines. “Ora ci stiamo impegnando a fissare un obiettivo scientifico per il 2035 perché la gravità della sfida climatica lo richiede. Abbiamo già gettato solide basi dando la priorità a soluzioni a breve termine per ridurre le nostre emissioni, come il rinnovo della nostra flotta con velivoli più efficienti dal punto di vista dei consumi. Guardando al futuro, riteniamo di avere l’obbligo nei confronti dei nostri clienti, membri del team, azionisti e comunità che serviamo di concentrare e accelerare la nostra transizione verso una compagnia aerea a basse emissioni di carbonio. Consideriamo il lavoro futuro come un’opportunità per sostenere il cambiamento necessario per proteggere il nostro pianeta per le generazioni future e accogliamo con favore la responsabilità che deriva da questo passo”.

Impegnandosi a stabilire un obiettivo basato sulla scienza, American diventa firmataria della campagna Business Ambition for 1,5°C e si unisce a Race To Zero , una campagna globale sostenuta dalle Nazioni Unite che mira a raccogliere il sostegno per un’economia a zero emissioni di carbonio da parte delle imprese , città, investitori e altri attori non statali.

Obiettivi ambiziosi

Nell’ottobre 2020, American ha fissato l’obiettivo di azzerare le emissioni dirette di gas serra entro il 2050. La compagnia aerea è membro fondatore dell’alleanza one world®, la prima alleanza globale di compagnie aeree a unirsi dietro un obiettivo comune per raggiungere la neutralità del carbonio.

L’obiettivo scientifico di American, una volta convalidato dall’SBTi, aggiungerà un obiettivo intermedio per il 2035 nel percorso della compagnia aerea verso il 2050 e American seguirà e riporterà i progressi su base annuale nel suo rapporto ESG.

“La scienza è chiara: per limitare gli impatti catastrofici del cambiamento climatico, dobbiamo garantire che il riscaldamento non superi 1,5°C”, ha affermato Paul Simpson, CEO di CDP, uno dei partner di SBTi. “L’ambizione è alta ma è realizzabile e gli obiettivi basati sulla scienza forniscono alle aziende una tabella di marcia per arrivarci. Le aziende di tutto il mondo hanno un’opportunità senza precedenti di essere in prima linea nella transizione verso un’economia net-zero, e non c’è tempo da perdere”.

Un piano per raggiungerli

Il piano di American per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050 si basa su una strategia di riduzione delle emissioni che include il rinnovo della flotta, il carburante per aviazione sostenibile (SAF) e miglioramenti operativi. I dettagli sul percorso iniziale di American verso lo zero netto sono disponibili nel rapporto ESG della società .

Rinnovo della flotta

American ha intrapreso il più vasto sforzo di rinnovamento della flotta nella storia dell’aviazione commerciale e attualmente ha la flotta di linee principali più giovane tra i vettori di rete statunitensi.

Dal 2013, American ha investito 24 miliardi di dollari nell’ammodernamento della sua flotta, prendendo in consegna 595 nuovi velivoli più efficienti in termini di consumo di carburante rispetto a quelli che sostituiscono. Nello stesso periodo, la compagnia aerea ha ritirato un numero simile di aeromobili meno efficienti, inclusi 150 pensionamenti solo nel 2020. Ogni nuova generazione di velivoli mira a miglioramenti dell’efficienza del carburante del 10 – 15%.

Con un occhio alla prossima generazione di velivoli a basse emissioni, American ha recentemente investito in Vertical Aerospace, un’importante azienda di ingegneria e aeronautica con sede nel Regno Unito che sviluppa velivoli elettrici a decollo e atterraggio verticali.

Carburante per aviazione sostenibile

American sta investendo nel carburante a basse emissioni di carbonio disponibile oggi, sostenendo lo sviluppo dei carburanti del futuro e sostenendo politiche pubbliche con il potenziale per accelerare la transizione dal carburante per aerei a base di petrolio ad alternative più sostenibili.

American ha preso in consegna SAF dalla metà del 2020 e si è impegnata a utilizzare 9 milioni di galloni entro il 2023. Nel maggio 2021, la compagnia aerea ha raggiunto un traguardo quando ha preso in consegna il suo milionesimo gallone di SAF all’aeroporto internazionale di San Francisco (SFO) . Gli accordi innovativi recentemente raggiunti con i clienti aziendali mirano ad aumentare la domanda di SAF e, nel complesso, American mira a contribuire in modo significativo all’obiettivo dell’industria aeronautica di rendere disponibili 2 miliardi di galloni di SAF per i vettori aerei statunitensi entro il 2030.

Mentre lavora per far progredire la produzione e l’adozione di SAF, anche sostenendo la legislazione federale che aiuterebbe ad ampliarne l’uso, American sta anche guardando ai combustibili del futuro. La società ha recentemente concordato i termini per l’acquisto fino a 10 milioni di galloni di SAF carbon neutral prodotto da Prometheus Fuels, che utilizza un nuovo processo per produrre combustibili per il trasporto a zero emissioni di carbonio, incluso SAF. Gli unici input sono l’aria e l’elettricità rinnovabile e gli unici output sono il carburante e l’ossigeno.

Miglioramenti dell’efficienza operativa

Per ridurre l’impatto sul pianeta, l’aspirazione fondamentale di American è apportare miglioramenti operativi coerenti, il che significa volare su rotte più efficienti con velivoli più efficienti alimentati da carburante a basse emissioni di carbonio.

L’anno scorso, American ha implementato un software di ottimizzazione del volo che utilizza le condizioni meteorologiche in tempo reale per fornire agli equipaggi di volo dati migliori su altitudini e velocità di volo ottimali, che a loro volta possono risparmiare carburante e ridurre le emissioni. Questo software, che American ha adottato sull’85% dei suoi aerei di linea, ha finora risparmiato quasi 3 milioni di galloni di carburante e ridotto le emissioni di quasi 26.000 tonnellate, l’equivalente di 80 voli di andata e ritorno tra Dallas-Fort Worth e Honolulu.

Andando avanti, American continuerà a lavorare con i responsabili delle politiche e i partner del settore sugli sforzi per migliorare il sistema di controllo del traffico aereo degli Stati Uniti, che sarà essenziale per ridurre l’impatto dell’aviazione sul clima, con il potenziale per ridurre milioni di tonnellate di CO2 ogni anno .