Luglio 31, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

La provincia di Valencia

14 regioni sono quelle che compongono la provincia di Valencia che offrono molte possibilità di godersi fuori dalla città di Valencia e completare la nostra visita a questa fantastica destinazione .

Ti invitiamo a visitare la costa valenciana dal nord di Sagunto fino alle spiagge del sud , epicentro di sport come il surf o il kitesurf nella città di Oliva . L per la provincia di Valencia ha 109 kil o metri di costa in cui sono tali spiagge famose come Cullera e Gandia , spiagge che offrono tutti i tipi di servizi per il benessere dei visitatori, residenti e turisti in modo sostenibile, sicuro e accessibile. Entrambe le città con personalità ben differenziate hanno un’ampia varietà di alloggi e infinite possibilità di godere durante tutto l’anno. Così, sia in inverno che in estate, godersi le sue passeggiate fiancheggiate da imponenti palme mediterranee ci porta al godimento di due città che negli ultimi anni hanno cercato di proteggere il litorale bilanciando impatto ambientale e ritorno sociale.

Quando arriviamo a Cullera, quello che ci colpisce di più è il nome scritto sulla montagna come un segno di Hollywood . E per se il credito è perfetto, “Venite a trascorrere un paio di giorni di cinema” ed è senza dubbio Cullera è più che sufficiente. Dal suo Castello di Santa Barbara si può contemplare la baia e la varietà delle sue spiagge con zone familiari e sportive dove praticare diving, surf o vela … passando per le cittadine presiedute da un lungomare dove le palme sono testimoni delle conversazioni nei caffè e ristoranti . Cullera offre anche una grande varietà di offerte culturali . Ti Erra pirata, i bambini amano a fare loro visita alla Grotta del Dragut e se si preferisce la storia più recente, i rifugi guerra civile spagnola sono testimone di quello che è successo qui. Una delle offerte turistiche più notevoli è il turismo sostenibile in questa zona, la sua vasta gamma di escursioni a piedi e in bicicletta a Cullera, alla scoperta delle risaie, delle montagne e del parco naturale dell’Albufera .

Un altro dei gioielli del Mediterraneo è Gandia , situata nella regione di Safor e ha più di cinque chilometri di costa di sabbia fine e la sua spiaggia Nord, essendo una delle più famose in Spagna. Una fama dovuta ai suoi tre chilometri di lunghezza, ai suoi servizi e alla sua qualità ambientale, visto che da 34 anni è Bandiera Blu. Ma se qualcosa da notare su Gandia è la sua famiglia più illustre e fonte di risorse turistiche e culturali da godere nel suo centro storico , è il caso del Palau Ducal de los Borja . Oggi questo edificio ci invita a vivere un’esperienza magica durante i mesi di luglio, agosto e settembre, godendoci le sue visite notturne, le cene molto speciali o l’opportunità di guardare film nel suo patio.

Sia Cullera che Gandia hanno una vasta gamma di offerte per il tempo libero e gastronomiche e cioè, se la Paella regna a Cullera , a Gandia ” Fideuà “. Per gli amanti della pasta e del pesce, una “ fideuà ” made in Gandia è un’esperienza gastronomica inevitabile. Prova di ciò è il Concorso Internazionale fideuà di Gandia che riceve chef da tutto il mondo per gareggiare, imparare e divertirsi a preparare questo delizioso piatto.

Per accompagnare questi prelibati piatti, vi invitiamo a scegliere tra l’ampia varietà di vini che potete trovare nelle cantine in quest’altra proposta :

Strada del Vino di Valencia – Ut ie l Strada del Vino – Requena

Le zone vinicole di Am bas mostrano la varietà delle cantine nelle rispettive “Strade del vino” . La regione di Requena Utiel è uno dei produttori più antica del vino nel nostro paese e anche se il r uta è relativamente giovane (nel 2019 ha servito 20 anni ) offre una varietà di proposte per combinare il turismo del vino con le risorse naturali , gastronomico e culturale che troviamo in quella zona. Come nota vi dirò che il Bobal è l’uva autoctona della zona che dona carattere e personalità ai vini di questa DO

Questo percorso inizia nella città di Requena dove dal suo centro storico si trovano le “Cuevas de la Vila” . U nos grotte sotterranee che un tempo fungevano da cantine e n loro scoprono come un tempo elaboravano il vino in grandi vasi di terracotta , ma se vogliamo fare una degustazione niente di meglio da fare in nessuna delle cantine della zona . Noi suggeriamo di provare i vini prodotti nella zona di Utiel e confrontandoli con quelli di Requena, alcuni dicono che c’è grande rivalità, pur essendo della stessa DO , ma entrambi sono veramente delizioso. Solitamente le degustazioni sono sempre accompagnate da salumi tipici locali. Se sei un vero appassionato di enoturismo, ti consigliamo di visitare la Bodega R edonda de Utiel, dove riceverai una “masterclass” dei vitigni, del tipo di maturazione, dello stoccaggio o dei tipi di botti utilizzati, tra le altre cose.

Questa destinazione merita davvero qualche giorno e questa è una zona meravigliosa dove pernottare, l’offerta di hotel e agriturismi è piuttosto ampia e si possono così scoprire altri aspetti della regione. Per questo consigliamo il contatto con la natura facendo attività all’aria aperta, come kayak, rafting, trekking, sempre nelle mani di professionisti. Alcune di queste aziende sono situate in un piccolo paese chiamato Venta del Moro e le cui attività principali si svolgono nel Parco Naturale Hoces del Cabriel.

L a DO Valencia , il cui percorso parte dalla stessa Valencia, andando da nord a sud della provincia di Valencia , visitando le cantine centenarie delle mani dei loro proprietari ed effettuando degustazioni NDO dagli stessi produttori di vino . Il percorso vi porterà nelle zone dell’Alto Turia e del Valentino nelle regioni di Serranos e Camp del Turia (parte nord-occidentale della provincia), l’area del Moscatel nella parte più centrale e comprendente la Vall d’Albaida e La Costieri sono i territori di C la riano e Terres dels Alforins . Attraversare la provincia visitando tutte queste zone, fermandosi a fotografare gli uliveti, i vigneti colorati e godersi i fiumi e le montagne dei parchi naturali che ti circondano merita un buon riposo e la provincia di Valencia ha sistemazioni uniche in tutto il suo territorio.

Sebbene l’enoturismo sia un’attività generalmente destinata al pubblico adulto, l’offerta complementare nel turismo familiare è molto ampia. Nella regione di Los Serranos troveremo la cittadina di Alpuente , famosa per le impronte e i resti dei dinosauri che vivevano in queste terre milioni di anni fa , ma se forse preferisci un viaggio tra le stelle, visita l’Osservatorio Astronomico dell’Università di Valencia ad Aras de los Olmos è un’esperienza unica.

L’ultima località che nomina il percorso di Valencia è Terres dels Alforins, un’area che comprende due regioni: la Costera e la Vall d’Albaida . Così nella regione della Costera troviamo la maestosa città di Xàtiva , dove incontriamo di nuovo la più famosa famiglia valenciana dell’antichità , la famiglia Borja e cioè che qui nacque Papa Alessandro VI. È una città sontuosa piena di angoli e fessure che evocano i tempi passati. Nel suo vecchio quartiere, le sue strade tortuose e in alcuni casi ripide, ci fanno alzare lo sguardo verso il castello che ci offre un panorama a 360 gradi dove possiamo osservare non solo le zone di coltivazione, i vigneti e i paesi circostanti, ma anche nelle giornate limpide si può vedere praticamente tutta la provincia, compresa la città di Valencia. Uno dei nostri consigli è provare la gastronomia di Xàtiva e mangiare un buon “riso al forno” , un piatto tipico della zona fatto in una pentola di terracotta e ” Almoixavenes ” o “Arnadí” per dessert, dolci molto autoctoni di origine araba e realizzati con il ricette originali.

Dirigendosi verso la regione vinicola di Terres dels Alforins facciamo una sosta lungo il percorso d e una delle città più affascinanti della provincia, Bocairente . Le sue strade in stile arabo ci immergono nel passato riflesse nei vicoli tortuosi con scalinate che ci conducono a diversi livelli della città, ed è che si dice che “a Bocaire nt gli asini si affacciano dalle finestre” e parlando di finestre, questa città offre uno dei più grandi monumenti archeologici in questa destinazione, “Les Covetes dels Moros” dichiarato monumento storico artistico, si tratta di un gruppo di grotte con finestre sospese nel mezzo di una scogliera rocciosa, sebbene ci siano altri siti simili a Ontinyent e Alfafara , questo È il più grande gruppo di tutte le sorgenti del fiume Clariano .

Abbiamo terminato il nostro tour nelle cantine che si trovano in questo paesaggio conosciuta anche come “la Toscana valenciana” e anche se sono molto diversi nella personalità, si riferiscono a qualcosa in comune, la loro bellezza. Terres dels Alforins è un’area vitivinicola circondata da campi di cereali e foresta mediterranea che ci saluta alzando i calici per condividere il nostro destino con tutti nel prossimo anno .

Speriamo di rivederti.

www.valenciaturisme.org