Luglio 29, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Dheli: La mia ragazza è punk è la nuova canzone

Dheli La mia ragazza è punk

“Punk is dead” è uno slogan che viene usato sin dalla nascita stessa del punk negli anni ’70, non appena la corrente divenne un movimento di massa e quindi mainstream. La realtà è che il punk da quarant’anni a questa parte è duro a morire, e anche se ogni tanto sembra versare in condizioni un pochino tristi e derelitte, alla fine trova sempre il modo di ripresentarsi al grande pubblico ed elettrizzare gli animi. Il 2020 oltre alle brutte notizie ci ha portato anche un rinnovato interesse per il punk, o per il pop punk se vogliamo essere precisi (pensiamo a Machine Gun Kelly, Travis Barker, Iann Dior, Mod Sun…), e questo ritorno di fiamma sta rinfocolando gli entusiasmi di una generazione cresciuta sì con il punk, ma che il punk l’ha anche visto cadere in un lento oblio.

Dheli è uno di quelli che nel punk ci hanno sempre creduto: cresciuto a pane e Blink-182, l’artista spezzino-milanese ha passato una vita suonando in rock band in giro per la Penisola, prima di dare il via al suo progetto solista in cui le influenze punk facevano comunque capolino anche quando lui si avvicinava a sound più dance o pop. La mia ragazza è punk è un singolo con cui Dheli dà il la a qualcosa di nuovo, divertente e parecchio rumoroso. Insieme al precedente brano Lucky Strike, l’artista ci sta indicando la direzione che intende prendere per il suo futuro prossimo, fatta di ritornelli catchy e melodie immediate, canzoni veloci e upbeat e chitarre “alla Californiana”, non perdendo però di vista le recenti evoluzioni del genere, come testimonia la volontà di sperimentare e di contaminare con sound provenienti da ambienti come la trap o l’emo rap. Soprattutto, Dheli con i suoi nuovi brani vuole divertirsi e divertire, trasportarci in un’atmosfera da concerto dove ci si muove, si salta e si fa andare la testa senza necessariamente prendersi troppo sul serio, e così alla fine della canzone scopriamo che “la ragazza” di Dheli alla quale il brano è dedicato non è altro che la chitarra, che vuole suonare il punk tutta la notte.

“La mia ragazza è punk è una sorta di conversazione tra me e la mia chitarra. Per qualche tempo ho scritto pezzi dove le chitarrone non c’erano, per cui adesso che la riprendo in mano lei ha una voglia matta di suonare punk e io mi ritrovo a spiegarle -ironicamente- che ‘non mi ricordo più come si fa’. Con questa canzone ho voluto dimostrarle che in realtà mi ricordavo bene.”

Dheli (Gabriele Deliperi) è un artista emergente di La Spezia, attualmente stanziato a Milano dove studia Writing and Production al CPM Music Institute mentre lavora a diversi progetti fra cui il suo. Gabriele passa la sua adolescenza all’interno di svariate band; il suo ultimo progetto prima di trovare la sua strada è stato quello di ricoprire il ruolo di frontman nel gruppo Alchimia. Di quest’esperienza porta nel cuore la finale del contest Emergenza che l’ha portato a suonare sul palco dell’Alcatraz. Con il suo progetto solista Dheli ha partecipato come finalista al BMA2020 (Bologna Musica d’Autore, il contest organizzato da Fonoprint) esibendosi a Parco Villa Angeletti di Bologna. A novembre 2020 è selezionato tra gli artisti del Cecchetto Festival di Claudio Cecchetto, e dopo aver lavorato in una piccola etichetta indipendente (Indieca Records), fonda la propria realtà insieme al team di persone che lavora con lui: Snowball Music Group, dove si occupa di gestire le uscite discografiche di artisti emergenti e di curare la parte press delle loro release. Per il progetto Dheli, Gabriele si avvale anche della collaborazione di Fabio Nuzzolese, docente del CPM e noto musicista per, fra gli altri, PFM, Cristiano De André e Alex Baroni.

Ascolta anche il singolo Lucky Strike!

DHELI SUI SOCIAL:

Instagram  |  Spotify  |  TikTok  |  YouTube  |  Facebook