Giugno 23, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Dalla costa alla cucina: la plastica destinata all’oceano da utilizzare negli imballaggi Waitrose

Impegno per le dimensioni dell’oceano: come parte degli impegni in corso per essere più sostenibili, Waitrose si impegna ad aiutare a intercettare e riutilizzare più imballaggi di plastica gettati nelle aree costiere ad alto rischio prima che finiscano nell’oceano Prodotti POP-ular: si stima che oltre 100 tonnellate di Prevented Ocean Plastic siano utilizzate in 71 famiglie di prodotti preferiti UK first: Waitrose sarà il primo supermercato nel Regno Unito ad utilizzare POP negli imballaggi utilizzati per i suoi piatti pronti con etichetta propria più vendutiIn concomitanza con la Giornata mondiale degli oceani (8 giugno), Waitrose si impegna oggi a utilizzare più Prevented Ocean Plastic* (POP™) nei propri imballaggi con etichetta propria, con oltre 100 tonnellate** stimate di essere utilizzate quest’anno – l’equivalente di un risparmio quasi 4 milioni di bottiglie di plastica dall’oceano.

Oltre ad essere il primo supermercato britannico a utilizzare la plastica Prevented Ocean negli imballaggi per 13 linee della sua gamma di piatti pronti, il cui lancio è previsto entro la fine dell’anno, Waitrose sta anche utilizzando POP™ in modo più diffuso su un’ampia gamma di confezioni di etichette proprie, fornite di Sharpak***, tra frutta, verdura, famiglia e salute, con altri a seguire.Waitrose si sta impegnando per un contenuto riciclato minimo del 30% nella plastica, utilizzando POP™ ove possibile. Tutto l’imballaggio in vaschette di plastica attraverso la propria etichetta di frutta è già composto per l’80% o più di contenuto riciclato.Marija Rompani, Direttore di Etica e Sostenibilità presso la John Lewis Partnership, commenta: “Si stima che il 90% della plastica nei nostri oceani provenga da appena 10 fiumi in tutto il mondo, con le regioni costiere del sud-est asiatico identificate come particolarmente a rischio. “I nostri clienti ci hanno detto che vogliono vedere più imballaggi realizzati con contenuto riciclato sui nostri scaffali e con grandi quantità di plastica già nel mondo, ci impegniamo a riutilizzare dove possibile e a utilizzare opzioni più sostenibili. C’è ancora molto da fare, ma speriamo che, utilizzando più Prevented Ocean Plastics nei nostri imballaggi, possiamo essere parte della soluzione a questo problema globale estremamente significativo”.Ben Tingley, Product and Business Development Lead presso il Prevented Ocean Plastic Research Centre, commenta: “La Giornata mondiale degli oceani è un momento per la nostra industria e la nostra comunità di riunirsi per progredire nella prevenzione della plastica oceanica completamente tracciabile e portare la plastica riciclata nei prodotti sugli scaffali. Possiamo già vedere l’impatto significativo che questo sta avendo non solo sui nostri oceani, ma anche sulle comunità che vivono nelle aree costiere più colpite dall’inquinamento da plastica. Ci auguriamo quindi che altre aziende seguano le orme di rivenditori come Waitrose e si impegnino a utilizzare più plastica oceanica prevenuta nei loro imballaggi per offrire ai clienti una scelta migliore in materia di plastica quando prendono decisioni di acquisto quotidiane”.Si stima che ogni anno finiscano nei nostri oceani otto milioni di tonnellate di plastica. Tuttavia, nel 2020, lo schema POP™ ha impedito a più di 830 milioni di bottiglie di inquinare i mari, rivelando l’impatto che l’iniziativa sta avendo. POP™ non solo aiuta a prevenire la plastica oceanica su larga scala, ma soprattutto incentiva il riciclaggio locale creando un reddito per i raccoglitori di plastica costieri e, a sua volta, aumentando la domanda di plastica riciclata in tutto il settore.