Maggio 8, 2021

Il Climate Pledge annuncia che più di 100 firmatari si sono impegnati a raggiungere Net-Zero Carbon entro il 2040 o prima

I 105 firmatari della promessa insieme generano oltre $ 1,4 trilioni di fatturato annuo globale e hanno più di 5 milioni di dipendenti in 25 settori in 16 paesi

Il Climate Pledge è un impegno co-fondato da Amazon e Global Optimism per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi con 10 anni di anticipo e raggiungere zero emissioni di carbonio entro il 2040

SEATTLE- (BUSINESS WIRE) – Amazon e Global Optimism hanno annunciato che più di 100 aziende hanno firmato The Climate Pledge . Tra i 52 nuovi firmatari che si uniscono a The Climate Pledge oggi ci sono marchi ben noti tra cuiAlaska Airlines, Colgate-Palmolive, HEINEKEN, PepsiCo, Telefónica e Visa. I firmatari dell’impegno generano in totale più di$ 1,4 trilioni nelle vendite annuali globali e hanno più di 5 milioni di dipendenti in 25 settori in 16 paesi, a dimostrazione dell’impatto collettivo che The Climate Pledge può avere nell’affrontare il cambiamento climatico.

I firmatari di The Climate Pledge accettano di:

  • Misura e comunica regolarmente le emissioni di gas a effetto serra.
  • Attuare strategie di decarbonizzazione in linea con l’accordo di Parigi attraverso cambiamenti e innovazioni aziendali reali, inclusi miglioramenti dell’efficienza, energia rinnovabile, riduzione dei materiali e altre strategie di eliminazione delle emissioni di carbonio.
  • Neutralizza le emissioni rimanenti con compensazioni aggiuntive, quantificabili, reali, permanenti e socialmente vantaggiose per raggiungere zero emissioni annue di carbonio entro il 2040, un decennio prima dell’obiettivo dell’accordo di Parigi del 2050.

Tutti i firmatari stanno intraprendendo azioni ad alto impatto basate sulla scienza per affrontare il cambiamento climatico innovando in termini di efficienza della catena di approvvigionamento, trasporto sostenibile, economia circolare, soluzioni energetiche pulite e altro ancora. Molte organizzazioni stanno anche coinvolgendo in modo significativo i clienti nel loro viaggio verso lo zero netto con iniziative incentrate su imballaggi innovativi e progettazione e sviluppo di prodotti sostenibili, fornendo soluzioni per consentire ai clienti di ridurre le proprie emissioni con campagne educative ed esperienze di acquisto sostenibili.

“Meno di due anni fa, Amazon ha co-fondato The Climate Pledge e ha invitato altre società a raggiungere l’accordo di Parigi con 10 anni di anticipo: oggi, più di 100 aziende con oltre $ 1,4 trilioni di fatturato annuo globale e oltre 5 milioni di dipendenti hanno firmato l’impegno “, ha affermato Jeff Bezos, Fondatore e CEO di Amazon. “Siamo orgogliosi di stare con altri firmatari per utilizzare la nostra scala per decarbonizzare l’economia attraverso il cambiamento e l’innovazione del business reale”.

“Abbiamo contribuito ad avviare The Climate Pledge per dimostrare un modello che accelera la decarbonizzazione con le aziende più ambiziose”, ha affermato Christiana Figueres, ex capo del clima delle Nazioni Unite e ora partner fondatore di Global Optimism. “Oggi oltre 100 aziende, inclusi marchi domestici e aziende di tutti i settori industriali, hanno aderito a The Climate Pledge con l’obiettivo di zero netto entro il 2040. Stanno dimostrando che muoversi più velocemente verso la decarbonizzazione delle loro attività è un percorso verso un vantaggio competitivo. Non c’è dubbio che siamo a un punto di svolta per stabilire l’economia a basse emissioni di carbonio prevista nell’accordo di Parigi. Mi congratulo per la leadership delle aziende che hanno già aderito a The Climate Pledge e non vedo l’ora di dare il benvenuto ai prossimi 100 “.

Amazon e Global Optimism danno il benvenuto ai nuovi firmatari che si sono impegnati per The Climate Pledge.

 AECOM Mace Group
 Alaska Airlines Morgan Sindall Group
 Airmee Natural Capital Partners
 Atlantia Optimus Ride
 Gruppo Bellrock PepsiCo
 Blacklane Impollinazione
 Colgate-Palmolive Portland General Electric
 Convoglio Posti
 Delphis Eco Pregis
 Direct Healthcare Solutions Ltd. Protector Cellars
 Aeroporto internazionale di Edmonton Alimenti Quorn
 Elisa Corporation Gruppo di consegna ferroviario
 EV Private Equity Royal Philips
 Soluzioni FILA Russell Group
 Graebel Sainsbury’s
 Greencore Group SecuriGroup
 HEINEKEN Sonnedix
 HH Global Springer Nature Group
 IGS Energy Storegga Geotechnologies
 IMI Gruppo STV
 Locanda a Laurel Point Telefónica
 Karma Automotive Teleperformance
 LeasePlan La città sostenibile
 LifeStraw Urenco
 Lil Packaging Ltd. UST
 Lime Visa

Informazioni su tutti i 52 nuovi firmatari che si sono impegnati a The Climate Pledge sono disponibili sul blog About Amazon , con i nuovi firmatari tra cui:

Alaska Airlines
Alaska Airlines serve più di 120 destinazioni in tutto il mondo gli Stati Uniti, Messico, Canada e Costa Ricae raggiunge destinazioni in tutto il mondo tramite Oneworld Alliance. L’azienda ha un impegno di lunga data per la cura delle persone e dell’ambiente e sta intraprendendo un percorso coraggioso per ridurre l’impatto sul clima a breve e lungo termine per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2040. Ciò include continui miglioramenti nell’efficienza della sua flotta; standardizzare ed espandere l’uso dell’intelligenza artificiale e della tecnologia di machine learning uniche nel suo genere per pianificare percorsi ottimizzati, ridurre il consumo di carburante e le emissioni di carbonio collaborare con il governo e l’industria per espandere la disponibilità e l’uso di carburanti sostenibili per l’aviazione, che hanno fino all’80% in meno di emissioni di carbonio su base del ciclo di vita; esplorare e promuovere nuovi approcci di propulsione che supportano le tecnologie di elettrificazione per il volo regionale; e investire in compensazioni di carbonio credibili per colmare eventuali lacune rispetto all’obiettivo. L’azienda sta già riducendo le emissioni attraverso l’ottimizzazione della flotta, il risparmio di carburante grazie alle alette dal design esclusivo dei suoi velivoli e alla tecnologia di navigazione che fornisce la rotta più efficiente. Attraverso il suo più ampio programma di sostenibilità sociale e ambientale, LIFT,Alaska Airlines invita i clienti a donare le loro miglia per supportare organizzazioni non profit come Tutela della natura e UNCF, per acquistare compensazioni di carbonio con The Good Traveller e ridurre i rifiuti attraverso il riciclaggio in volo (temporaneamente sospeso a causa della pandemia COVID-19) e viaggiare con bottiglie d’acqua riutilizzabili attraverso l’iniziativa #FillBeforeYouFly dell’azienda.

“In Alaska Airlines, sappiamo che i viaggi possono fare una grande differenza nella vita delle persone e ci impegniamo a operare in modo responsabile dal punto di vista sociale e ambientale”, ha affermato Ben Minicucci, Alaska AirlinesAMMINISTRATORE DELEGATO. “Stiamo intraprendendo un viaggio per garantire che la sostenibilità sia una parte fondamentale della nostra cultura e siamo grati ai partner nel settore dell’aviazione e oltre che stanno lavorando con noi per rendere il percorso verso lo zero netto una realtà. Ci vorrà davvero un villaggio per arrivarci e unirsi alle altre aziende orientate alla sostenibilità come parte del Climate Pledge è un passo importante “.

Colgate-Palmolive In
tutto il mondo, Colgate-Palmolive sta reinventando un futuro più sano per tutte le persone, i loro animali domestici e il nostro pianeta. L’azienda si impegna a preservare l’ambiente accelerando l’azione sul cambiamento climatico. Una priorità fondamentale è raggiungere l’energia rinnovabile in tutte le operazioni entro il 2030 attraverso installazioni solari e accordi di acquisto di energia. Con marchi domestici tra cui Colgate, Palmolive, Tom’s ofMaine, Hill’s e altri ancora, Colgate-Palmolive serve miliardi di persone in tutto il mondo. L’azienda è impegnata nella crescita e nell’operare in modo responsabile e sostenibile per le persone, i clienti e le comunità che serve. Cerca continuamente modi migliori e più sostenibili per realizzare i suoi prodotti e imballaggi e cerca opportunità per utilizzare meno plastica, acqua ed energia riducendo al minimo gli sprechi. Nel 2019, Colgate ha introdotto un tubetto di dentifricio riciclabile primo nel suo genere, con l’obiettivo di trasferire il suo portafoglio globale entro il 2025. Colgate sta ora condividendo la sua tecnologia con terze parti, compresi i concorrenti, per supportare la trasformazione di tutti i tubi. L’azienda è anche responsabile della promozione della conservazione dell’acqua attraverso la sua iniziativa Save Water, che incoraggia i clienti a “chiudere il rubinetto” mentre si lavano i denti,

“Colgate è orgogliosa di aderire a The Climate Pledge, consapevole che responsabilità, partnership e collaborazione sono essenziali per produrre i miglioramenti ambientali sostenibili che tutti desideriamo”, ha affermato Prabha Parameswaran, Colgate-Palmolive, Presidente globale. “Con il marchio Colgate presente in più case che in qualsiasi altro, abbiamo colto la nostra straordinaria opportunità – e responsabilità – di ridurre la nostra impronta ambientale e accelerare l’azione sul cambiamento climatico. Siamo orgogliosi dei progressi che abbiamo fatto e ci siamo impegnati a fare di più mentre la nostra azienda lavora duramente per reinventare un futuro più sano per tutte le persone, i loro animali domestici e il nostro pianeta “.

HEINEKEN
Al servizio dei consumatori di tutto il mondo, HEINEKEN riconosce l’importanza di gestire non solo un’attività redditizia, ma anche sostenibile. L’ambizione decennale di sviluppo sostenibile dell’azienda, Brew a Better World, dimostra il suo impegno per gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, costruendo una tabella di marcia rispetto a questi obiettivi e ai loro obiettivi specifici per garantire contributi significativi e trasparenti alla protezione del pianeta, garantire prosperità e porre fine alla povertà . Come parte di questa ambizione, HEINEKEN ha già ottenuto una riduzione del 51% delle emissioni di carbonio e del 33% del consumo di acqua nelle sue attività dal 2008. Gli sforzi di sostenibilità dell’azienda abbracciano l’intera catena del valore “dall’orzo al bar”, sostenendo la sostenibilità agricoltura, produzione di birra, confezionamento e distribuzione,

“Da oltre 150 anni ci dedichiamo con passione all’idea di avere un impatto positivo sul mondo che ci circonda. Sappiamo che possiamo prosperare solo se la nostra gente, il pianeta e le comunità intorno a noi prosperano “, ha dettoDolf van den Brink, Presidente e CEO di HEINEKEN. “Questo significa guardare a Brew a Better World in ciascuna delle nostre attività. Sappiamo che le azioni parlano più delle parole e che ottenere un cambiamento reale e duraturo è possibile solo attraverso uno sforzo collettivo. Dobbiamo pensare e agire in modo olistico quando si considera come Brew a Better World ha un impatto positivo sull’intero ecosistema HEINEKEN, inclusi i nostri dipendenti, partner e fornitori, ONG, governi, comunità locali e altri stakeholder. Unendoci a The Climate Pledge, stiamo rafforzando il nostro impegno per la sostenibilità e siamo lieti di entrare a far parte di una comunità che condividerà conoscenze, idee e best practice “.

PepsiCo
Con un portafoglio di marchi iconici, tra cui Quaker, Walkers,Gatorade, Doritos e SodaStream — e un’ampia gamma di prodotti alimentari e bevande apprezzati dai clienti di tutto il mondo, PepsiCo si impegna a utilizzare la propria scala, portata e competenza per contribuire a costruire un sistema alimentare più sostenibile. PepsiCo immagina un sistema alimentare in grado di fornire nutrimento e divertimento e continuare a guidare lo sviluppo economico e sociale, il tutto senza superare i confini naturali del pianeta. L’azienda si concentra sulla promozione dell’agricoltura sostenibile, sull’affrontare l’insicurezza idrica, sull’eliminazione dei rifiuti di plastica, sullo sviluppo di prodotti più nutrienti e sostenibili e sulla riduzione delle emissioni di gas serra lungo la catena del valore. Come parte di questo sforzo, PepsiCo sta lavorando per costruire un mondo in cui gli imballaggi non diventino rifiuti. Attualmente, l’88% degli imballaggi dell’azienda è riciclabile, compostabile o biodegradabile, con l’obiettivo di raggiungere il 100% entro il 2025. PepsiCo continua inoltre ad espandere il suo programma Sostenibile dall’inizio, un’iniziativa che considera l’impatto ambientale in ogni fase dello sviluppo del prodotto. NelGennaio 2021, PepsiCo ha annunciato un nuovo obiettivo basato sulla scienza di ridurre le proprie emissioni di carbonio di oltre il 40% entro il 2030 (rispetto a una previsione del 2015), più che raddoppiando il suo precedente impegno sul clima e mirando a raggiungere zero emissioni nette entro il 2040.

“PepsiCo è lieta di partecipare a The Climate Pledge mentre continuiamo il nostro lavoro per aiutare a costruire un sistema alimentare più sostenibile e rigenerativo”, ha affermato Ramon Laguarta, Presidente e CEO di PepsiCo. “In un momento in cui il mondo sta lottando per riprendersi dallo shock di una pandemia globale, le soluzioni condivise alle sfide condivise sono essenziali. Dobbiamo tutti fare le nostre parti individualmente, ma anche unirci per affrontare il cambiamento climatico e raggiungere le emissioni nette zero entro il 2040 “.

Telefónica
Essendo uno dei maggiori operatori telefonici e fornitori di reti mobili al mondo, Telefónica si impegna a ridurre la propria impronta di carbonio, oltre a fornire soluzioni per consentire ai clienti di ridurre le proprie emissioni. Telefónica è già impegnata a ridurre le emissioni dell’intera catena del valore in linea con lo scenario di 1,5 gradi Celsius. Ciò include l’impegno ad avere emissioni nette zero entro il 2025 in tutte le sue operazioni nei mercati chiave (Spagna, UK, Germania, e Brasile), con operazioni in America Latina e la sua più ampia catena del valore netta zero entro il 2040. L’azienda si impegna inoltre ad aiutare i propri clienti a ridurre le emissioni attraverso la connettività e Eco Smartservices, un sigillo di prodotto che aiuta gli acquirenti a incorporare facilmente i criteri di sostenibilità nelle loro decisioni di acquisto. L’anno scorso,Eco Smart ha aiutato i clienti a evitare più di 9,5 milioni di tonnellate di CO2, l’equivalente di carbonio piantato a 158 milioni di alberi.

“La nostra strategia per l’energia e il cambiamento climatico è incentrata sulla mitigazione del nostro impatto, sullo sfruttamento di nuove opportunità e sull’evoluzione per affrontare i rischi climatici”, ha affermato Elena Valderrábano, direttore globale per l’etica e la sostenibilità aziendale di Telefónica. “Unendoci a The Climate Pledge, stiamo rafforzando il nostro impegno per la sostenibilità e siamo lieti di entrare a far parte di una comunità di altre aziende leader che mettono la sostenibilità al primo posto”.

Visa
In qualità di azienda leader mondiale nella tecnologia dei pagamenti, Visasi impegna a contribuire a un mondo più sostenibile e inclusivo, compreso il ruolo di leader del settore nella transizione globale verso un’economia a basse emissioni di carbonio. Il track record di sostenibilità di Visa include il raggiungimento del suo obiettivo nel 2020 di passare completamente all’elettricità rinnovabile al 100%, migliorare la sostenibilità dei nostri uffici e data center attraverso l’efficienza energetica e idrica, la diversione dei rifiuti in discarica e un programma globale Green Teams per i dipendenti. Nel 2020,Visa ha rilasciato a $ 500 milioni green bond, ritenuto il primo nel suo genere da una rete di pagamenti digitali, a sostegno di questi sforzi. Visa continua inoltre a ispirare e potenziare il commercio sostenibile con partenariati strategici e programmi incentrati sull’integrazione della sostenibilità nelle carte di pagamento e nei conti e sull’abilitazione di comportamenti sostenibili attraverso il suo lavoro in transito, ricarica di veicoli elettrici, viaggi e turismo.

“In Visa, ci impegniamo per la sostenibilità e per creare un futuro più sostenibile”, ha affermato Alfred F. Kelly Jr., Visapresidente e amministratore delegato. “Siamo orgogliosi di aderire a The Climate Pledge come parte del nostro impegno a zero emissioni nette entro il 2040 e non vediamo l’ora di collaborare con i firmatari per portare avanti questo importante lavoro”.