15 Luglio 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

I progetti pionieristici finanziati da Waitrose dimostrano il loro potenziale nell’affrontare l’inquinamento da plastica

I funghi che mangiano plastica e la tecnologia innovativa per evitare che le reti da pesca vadano perse in mare sono tra i progetti che hanno dimostrato di aver fatto davvero la differenza nella lotta contro l’inquinamento da plastica, quasi due anni dopo aver ricevuto il finanziamento da Waitrose.

I progressi compiuti da cinque progetti diversi e innovativi si trovano in un nuovo rapporto che abbiamo pubblicato oggi, che descrive in dettaglio il loro impatto positivo sull’ambiente.

Abbiamo lanciato Plan Plastic – The Million Pound Challenge nel 2019 per sostenere progetti che affrontano l’inquinamento da plastica o ripensano il modo in cui utilizziamo e smaltiamo la plastica, con l’obiettivo di creare effetti reali ed effetti duraturi. 

Il fondo di 1 milione di sterline, derivante dalla vendita di borse da spesa 5p , è stato utilizzato per fornire sovvenzioni che vanno da 150.000 a 300.000 sterline. L’ente benefico per l’ambiente Hubbub ha lavorato con noi per sostenere i cinque progetti scelti e per misurare l’impatto del loro lavoro.

Cosa è stato ottenuto?

  • MUSSEL POWER – Il laboratorio marino di Plymouth ha dimostrato il potenziale delle cozze nell’aiutare a arginare il flusso di microplastiche dagli estuari inquinati e dalle acque costiere, aprendo la strada per l’implementazione di questa soluzione basata sulla natura e per ulteriori ricerche su soluzioni basate sulla natura al problema della microplastiche.
  • BIO-RICICLAGGIO DELLA COMUNITÀ – Onion Collective e Biohm hanno creato una struttura di bio-riciclaggio per condurre ricerche sul “micelio” (la struttura radicale dei funghi) per abbattere e digerire la plastica. Il nuovo impianto di riciclaggio biologico ha anche creato posti di lavoro e ha contribuito a rigenerare una vecchia cartiera a Watchet.
  • AMBIENTALE – Wen (Rete ambientale delle donne) e City to Sea hanno fornito un’istruzione anti-tabù a migliaia di studenti, inclusa la formazione di 724 insegnanti e infermieri per tenere seminari che esplorano le questioni sociali e ambientali delle mestruazioni; aumentando la consapevolezza sui prodotti d’epoca sostenibili. 
  • SAFEGEAR – Blue Marine Foundation ha sviluppato un faro conveniente per i pescatori per impedire che gli attrezzi da pesca diventino inquinamento da plastica nell’ambiente marino. La Blue Marine Foundation ha ora testato oltre 100 fari in mare con pescatori nel sud-ovest dell’Inghilterra, il che si è dimostrato una soluzione semplice da usare per l’equipaggiamento fantasma. 
  • MESSAGGIO IN BOTTIGLIA – L’associazione degli ostelli della gioventù ha eliminato la necessità di mezzo milione di bottiglie di plastica monouso all’anno fornendo fontanelle accessibili al pubblico per consentire a chiunque si goda la vita all’aria aperta di riempire le proprie bottiglie. può essere rilassato. 

Marija Rompani, Direttore Etica e sostenibilità, Waitrose, ha dichiarato: “È essenziale continuare a eliminare la plastica monouso nella nostra attività, ma anche sostenere i progressi compiuti da altre organizzazioni nel resto del mondo. Tutti questi progetti stimolanti hanno dimostrato la loro capacità di creare un impatto reale nell’affrontare le questioni ambientali e nell’incoraggiare il cambiamento dei comportamenti. Ora è necessaria un’azione su scala più ampia per fare una differenza significativa nella nostra lotta collettiva contro l’inquinamento da plastica “.

Saskia Restorick, Direttore di Hubbub, ha dichiarato: “La risposta al fondo Waitrose Plan Plastic è stata travolgente. È così incoraggiante vedere quante persone stanno cercando di fare davvero la differenza per ridurre l’inquinamento da plastica nel Regno Unito. È stato incredibile osservare lo sviluppo dei cinque progetti scelti nell’ultimo anno e crediamo davvero che l’impatto che possono avere sia determinante nell’affrontare l’inquinamento da plastica. Ogni progetto ha un’eredità a lungo termine oltre il fondo di sovvenzione ed è stato un privilegio aver preso parte all’inizio di quel viaggio. Auguriamo loro buona fortuna mentre espandono ulteriormente i loro progetti “.

I vincitori sono stati scelti da un gruppo di esperti composto da rappresentanti del mondo accademico, dell’industria, delle organizzazioni non governative e delle imprese. 150 progetti hanno presentato domanda per il fondo, otto sono stati selezionati per la presentazione alla giuria, cinque organizzazioni hanno ricevuto sovvenzioni. 

Ci impegniamo a ridurre e rimuovere la plastica non necessaria laddove possibile e siamo sulla buona strada per rendere tutti i nostri imballaggi con etichetta propria ampiamente riciclati, riutilizzabili o compostabili in casa entro il 2023. 

Recentemente ci siamo classificati al primo posto nella classifica annuale di Greenpeace, per il secondo anno consecutivo, che esamina come i supermercati stanno riducendo il loro uso di plastica monouso. Abbiamo anche lanciato una gamma pionieristica ricaricabile in alcuni dei nostri negozi nel 2019 con “ Waitrose Unpacked ” per testare la domanda dei consumatori per lo shopping senza imballaggi.