5 Dicembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

PlasticArt premiato in Europa per la sua “sostenibilità ambientale”

La Rete Europea dei Centri Culturali, che oggi raggiunge circa 5 mila luoghi di cultura in 25 paesi Ue, ha decretato il progetto come migliore della categoria, unico italiano

UDINEPlasticArt – La plastica per l’arte” si è aggiudicato l’ENCC UPgrants per la “sostenibilità ambientale”, iniziativa di respiro europeo che ha visto la partecipazione di oltre 40 progetti. L’ufficialità è stata data, guarda caso, proprio nella Giornata mondiale del riciclo, il 18 marzo 2021. «Il riconoscimento dell’ENCC ci riempie di orgoglio e attesta sia la qualità progettuale di Plasticart che la necessità, a livello internazionale, di una spinta verso una gestione più sostenibile delle risorse – ha spiegato Francesco Nguyen, presidente di Cas*Aupa, Circolo Arci ideatore del progetto -. Non a caso oggi è in programma un nuovo sciopero globale sul clima. Un tema a cui il nostro progetto di riciclo creativo della plastica è indubbiamente legato. Ma soprattutto che vede tanti giovani spendersi, anche qui in Regione, nonostante spesso vengano ignorati dalle forze politiche, se non da vuote captatio benevolentiae».

SOSTENIBILITÁ AMBIENTALE – A premiare PlasticArt (unico progetto italiano vincitore) è stata la combinazione dei voti di una giuria di esperti e di quella “popolare” che ha potuto scegliere online il suo progetto preferito. PlasticArt è stato indicato come miglior progetto di “sostenibilità ambientale” (gli atri filoni previsti erano: mobilità sostenibile; digitalizzazione etica/riduzione dell’impronta di carbonio digitale; ciclo di vita/riciclaggio/economia circolare; sostenibilità sociale), uno degli argomenti cardine (assieme a quella economica e sociale) dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile dell’Ue. Riceverà una sovvenzione di 3 mila euro oltre a essere presentato sul sito web e sulla newsletter dell’ENCC, così come nella sua relazione annuale e in qualsiasi altra pubblicazione correlata. «Siamo felicissimi di questo traguardo, che condividiamo con le tante persone che ci scrivono ogni giorno e che ci stanno dando attivamente una mano sia nel laboratorio che nella diffusione del progetto – ha sottolineato entusiasta Eleonora Majeroni, direttrice artistica di PlasticArt, il cui project management è stato curato da Rossella Bugliesi –. Colgo anche occasione per ringraziare la Mattiussi Ecologia di Udine ci ha donato dei bidoni per lo stoccaggio. Questi nuovi fondi saranno utilizzati per migliorare ancora di più il nostro spazio e il lavoro di congiunzione tra mondo artistico, produttivo e della sostenibilità ambientale».

ENCC UPGRANTS – Gli ENCC UPgrants sono uno schema di micro-sovvenzioni aperto a tutti i centri socio-culturali europei, promosso dall’European Network of Cultural Centres (ENCC – https://encc.eu), rete di centri culturali europei creato grazie al sostegno della Commissione Europea e che oggi raggiunge circa 5 mila luoghi di cultura in 25 paesi, con strutture, pratiche e pubblico molto diversi. Gli ENCC UPgrants, dunque, mirano a dare un supporto alle iniziative di sostenibilità già in atto, al fine di promuoverle, dare visibilità e diffonderle come buone pratiche, offrendo la spinta per un ulteriore sviluppo: un’iniziativa dinamica in un contesto mutevole.

COS’É PLASTICART – “PlasticArt – La plastica per l’arte” – realizzato da Cas*Aupa (Udine) con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia (bandi creatività 2019), la collaborazione di Confartigianato Udine e delle associazioni FABLAB Udine, Mentilibere, Puntozero e Bloom – è un ampio progetto di riciclo artigianal-creativo che si concluderà a giugno 2021 e che punta a coinvolgere artisti/designer/artigiani under35 che vogliano mettere la propria creatività a servizio di un mondo migliore, liberandolo (almeno un po’) dalla plastica! Tre le parole d’ordine: Raccogli, Trasforma, Crea. Attraverso macchinari di lavorazione artigianale, infatti, in questi mesi di “sperimentazione tecnica”, la plastica è stata trasformata e rielaborata come materiale grezzo per prodotti artistici e di design, poi riutilizzata per sviluppare prototipi di eco-design di prodotti in *PLA, grazie alla stampa 3D. A febbraio è stata lanciata una call internazionale alla quale hanno risposto già da tutto il mondo (Africa, Hong Kong, Usa ed Europa) che si chiuderà il primo aprile. I selezionati potranno partecipare a una settimana di residenza che si terrà in Friuli Venezia Giulia, dal 22 al 31 maggio 2021. Gli artisti/designer/artigiani (10 in presenza, ma sono previste anche modalità online in caso di limitazioni negli spostamenti) avranno l’opportunità di prendere parte a un workshop artistico, imparare le tecniche di lavorazione, realizzare ed esporre la propria opera, entrando in contatto con aziende del territorio che si occupano di questo tema. Il progetto si concluderà nel giugno 2021 con il PlasticArt Week, una manifestazione multi-disciplinare che comprenderà l’esposizione delle opere realizzate in residenza, incontri/lezioni divulgativi sul tema della plastica e del riciclo, workshop e laboratori ed eventi collaterali.

CAS*AUPA – Cas*Aupa nasce nel 2009 dalla volontà di ragazze e ragazzi di ritagliarsi uno spazio per la creatività giovanile, per altro in un quartiere periferico della città di Udine, il Villaggio del Sole, attraverso il recupero di un immobile dismesso da anni.

——

*PLA (Acido Polilattico), è stata una bioplastica che si ottiene dalla macinazione del mais. La seconda a essere stata commercializzata e venduta su larga scala.

È un prodotto biodegradabile, anche se sono necessarie precise condizioni affinché possa innescarsi il processo di decomposizione.

INSTAGRAM: https://www.instagram.com/plasticartaupa/

SITO: https://plasticart.casaupa.org/call-residenza