Giugno 19, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Global Tech Ventures, un socio ha investito 1,5 milioni di euro nella campagna di Equity Crowdfunding

Una raccolta che vola anche grazie all’investimento record di 1,5 milioni di euro. Parliamo della più grande transazione unica registrata su CrowdFundMe. La società destinataria del “maxi-importo” è Global Tech Ventures (GTV), holding che permette co-investire con i principali player europei e americani – tra cui Target Global, G Squared e Sequoia – in società digital e tech internazionali. La raccolta complessiva ha così superato quota 2,1 milioni. Per fare il punto sulla situazione, CrowdFundMe ha intervistato Roberto Bossi, COO dell’emittente che ha già investito più di 5 milioni di dollari in 10 società.

Quali sono le prospettive per GTV ora che sono già stati superati i 2 milioni di raccolta?

La campagna sta andando molto bene e ciò dimostra che l’idea di permettere un ingresso semplificato al co-investimento nel Venture Capital internazionale sia corretta. La nostra filosofia, infatti, è rendere accessibile questo settore agli investitori privati e stiamo trovando il giusto riscontro. Adesso puntiamo a raggiungere l’obiettivo dei 3 milioni di raccolta in breve tempo. Per questo stiamo già selezionando, da una short list di società molto interessanti, i prossimi investimenti volti a proseguire con la strategia di diversificazione.

In generale, come sta andando il Venture Capital nel 2021?

Il mercato sta dando segnali positivi e non si registrano rallentamenti. Anzi, assistiamo a un’accelerazione dell’accesso ai mercati, tramite quotazioni, di operazioni di late VC. Siamo anche testimoni di un’evoluzione della finanza, con le IPO che sono sempre più spesso affiancate o sostituite da operazioni di listing di SPAC, molto più veloci ed efficaci.

Quali vantaggi hanno gli investitori che entrano nel mondo del Venture Capital tramite l’Equity Crowdfunding di GTV? 

Il grosso vantaggio per i nostri soci è quello di accedere a un asset class, il VC internazionale, con importi non da investitori istituzionali ma da investitori privati. Altrimenti, senza GTV, tale dinamica sarebbe difficilmente replicabile. In particolare, con un chip minimo di 10.000 euro è possibile partecipare a un portafoglio diversificato di operazioni di late VC, alcune delle quali già in fase di Exit. Senza minimizzare il rischio, trattandosi sempre di un portafoglio Equity, la diversificazione e il co-investimento con i principali fondi VC internazionali ci permette di essere fiduciosi nell’affermare che GTV riuscirà a raggiungere i propri obiettivi in termini di ritorno economico.

  • Overfunding con oltre 2,1 milioni raccolti
  • Accesso a investimenti esclusivi grazie alla partnership con fondi VC
  • Investimenti per oltre 5 milioni di dollari in 10 società ad alto potenziale
  • Diversificazione del portafoglio su scala internazionale