Giugno 15, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Al 20/mo River to River l’omaggio a Irrfan Khan e la giovane attivista indiana Naina Febin che usa la musica per conservare il bambù

Lunedì 7 dicembre 5/a giornata del festival nella sala virtuale “Più Compagnia” del cinema La Compagnia di Firenze

Nel programma della giornata, “Chai Time” con Atanu Ghosh regista di “Without Strings”, i saluti dell’attore e interprete di “Sandokan” Kabir Bedi e la regista Deepa Mehta, che si aggiungono a quelli di Amitabh Bachchan, la lezione di cucina indiana con il cuoco Shajan Madassery Poulos e i nuovi episodi della serie “Four More Shots Please!”, il Sex and the City indiano. 

Firenze —  La storia della giovane attivista indiana Naina Febin, studentessa che usa la musica per conservare il bambù, salvaguardando la pianta, fondamentale per l’ecosistema, raccontata nel documentario “Bamboo Ballads” del pluripremiato regista Sajeed Naduthody, è uno degli eventi speciali speciali del quinto giorno del 20/mo River to River Florence Indian Film Festival, l’unico festival in Italia che promuove la cultura e il cinema indiano di qualità, fruibile online fino all’8 dicembre su “Più Compagnia”, sala virtuale del cinema La Compagnia di Firenze, in collaborazione con mymovies.it.

Al centro del programma di lunedì 7 dicembre, alle ore 20.30, l’omaggio al grande attore e star internazionale Irrfan Khan, ospite del festival nel 2014 e recentemente venuto a mancare, con la commedia degli equivoci  sul rapporto genitori-figli  Karwaan” di Akarsh Khurana. L’esilarante pellicola on the road racconta di Avinash (Dulquer Salman) un giovane malinconico che detesta il suo lavoro e preferirebbe continuare a fare il fotografo, se non fosse per la disapprovazione del padre. Sfortunatamente, il padre muore in un incidente stradale e la sua salma raggiunge per errore un’altra famiglia. Shaukat (Irrfan Khan), amico di Avinash, offre il suo furgone e la sua compagnia per viaggiare dal Bangalore e scambiare il corpo a Kochi. Al viaggio si unirà Tanya (Mithila Palkar), la nipote della persona defunta con cui l’altro corpo è stato scambiato (il film resterà visibile online fino alla fine del festival).

Pianta alberelli di bambù in ogni spazio disponibile: campus scolastici, aree pubbliche, complessi privati. Distribuisce alberelli di bambù ai residenti nel suo quartiere. Naina sta persino scrivendo un libro sull’argomento. Ha formato una banda musicale che utilizza solo strumenti fatti di bambù. La band ha un solo obiettivo: diffondere la consapevolezza della conservazione della pianta. Bamboo Ballads accompagna lo spettatore attraverso un viaggio che copre la filosofia, il mito e l’eredità del bambù e la sua importanza nella conservazione dell’ambiente.  Il documentario, visibile su “Più Compagnia” dalle ore 17.00, segue la vita dell’adolescente indiana che diffonde parole di pace per superare le disuguaglianze di casta e religione, aiutando così sia il pianeta che la comunità. Il River to River è da sempre attento a dare voce e potenziare il ruolo della donna, per questo in programma ci sono ritratti di figure femminili forti, per un presente senza disuguaglianze. 

Alle ore 15.30 la direttrice del festival Selvaggia Velo presenterà dal salottino indiano del cinema “La Compagnia” di Firenze i saluti dell’attore e interprete di “Sandokan” Kabir Bedi e della regista Deepa Mehta, che si aggiungono a quelli dell’attore Amitabh Bachchan. 

Alle ore 18.00 l’imperdibile “Chai Time” è con Atanu Ghosh regista di Without Strings”. I suoi film sono noti per la precisione percettiva, le sue opere riflettono il desiderio di esplorare le complessità uniche del comportamento umano, sullo sfondo dei rapidi cambiamenti della società. Ghosh ha ricevuto il National Film Award, due Filmfare Awards e molti altri riconoscimenti. L’incontro, a cui il pubblico potrà partecipare e dialogare virtualmente con il regista.

Alle ore 19.00 torna l’appuntamento con la seconda stagione di “Four More Shots Please!” definito dai critici il “Sex and the city indiano” e nominato agli Emmy 2020, sulle vite di quattro amiche di Mumbai le cui esperienze aiutano a superare i cliché culturali e sociali dell’India.

Tra gli eventi speciali, la lezione di cucina indiana e internazionale che si svolgerà dalle ore 18.00 alle 21.00presso il  CESCOT, agenzia formativa accreditata dalla Regione Toscana, nella  sede in Piazza Pier Vettori  8/10 (Firenze). Protagonista il cuoco Shajan Madassery Poulose che ci accompagnerà nella preparazione dei piatti del Kerala. Riso basmati, verdure speziate e formaggio fresco verranno presentati secondo le ricette Kashmiri Pulavo, Vegetable Stew, Paneer Butter Masala e Carrot Thoran. Per informazioni e prenotazioni chiamare il numero 055.2705205. L’attività sarà realizzata in totale sicurezza, nel rispetto delle normative in materia di Covid 19.

Il River to River Florence Indian Film Festival si svolge con il Patrocinio dell’Ambasciata dell’India, sotto l’egida di Fondazione Sistema Toscana, ed è realizzato con il contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Cinema e Audiovisivo, Regione Toscana, Comune di Firenze, Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Il festival si avvale del sostegno degli sponsor Salvatore Ferragamo, Instyle, Unione Induista Italiana e Galleria di Lux; dei partner tecnici Hotel Roma, Fondazione Studio Marangoni, Mad – Murate Art District, Amblè, Cescot Firenze, Libreria Tatatà, e Pocket Films. La ventesima edizione del River to River Florence Indian Film Festival si avvale dei Media Partner Firenze Spettacolo e RDF.

Segui il festival sui social con l’hashtag #R2RFIFF

Facebook /rivertoriverfiff – Twitter ; Instagram @river2riverfiff – Youtube /RiverToRiverFIFFestival.

Per maggiori informazioni, aggiornamenti sul programma online, date e cartellone della tre giorni in sala

a Firenze, potete visitare il sito www.rivertoriver.it e i social del festival.

ABBONAMENTI

Sarà possibile seguire l’intera programmazione del Festival online con un abbonamento di 9.90 € acquistabile a questo link https://www.mymovies.it/ondemand/river-to-river/. Tutti i contenuti live – tra cui gli incontri con gli ospiti, i registi e le presentazioni dei film – saranno accessibili e sempre disponibili gratuitamente sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del festival. È possibile sostenere il festival grazie agli abbonamenti: Sostenitore Piccolo Chai a 20.00 € che, oltre alla programmazione del festival, prevede una foto di ringraziamento dello staff del festival e 1 biglietto per una proiezione durante la tre giorni in sala (valida per il 2020 o 2021) e il Sostenitore Grande Chai a 50.00 € che oltre ai benefit del “piccolo Chai” offre anche una copia del catalogo 2020 del River to River Florence Indian Film Festival.

L’INDIA TRA LE PAGINE

Anche quest’anno la libreria fiorentinaTatatà proporrà un percorso letterario associato ai film in programma al River to River. Venerdì 4 alle ore 17.30, in diretta sui social dalla libreria,i consigli di lettura per i giorni del Festival saranno condivisi con la comunità de I libri di Mompracem; il percorso di lettura proposto sarà disponibile per tutto dicembre sull’e-commerce delle librerie indipendenti Bookdealer.it.

Per maggiori informazioni visitare il sito www.tatata.it