31 Ottobre, 2020

Nestlé pledges to serve ‘Cool Food’ to combat climate change

Nestlé si è impegnata a servire i propri dipendenti con alimenti più rispettosi del clima attraverso il Cool Food Pledge , un movimento crescente di luoghi di lavoro, città, hotel, ospedali e ristoranti che mira a ridurre le emissioni di gas serra legate al cibo del 25% entro il 2030.

Con circa 300.000 dipendenti in tutto il mondo, Nestlé serve circa 50 milioni di pasti all’anno nei suoi siti. L’azienda pone già l’accento sull’utilizzo di prodotti locali e sull’aumento delle opzioni a base vegetale.

Nestlé garantirà riduzioni delle emissioni di gas serra legate al cibo attraverso la diversificazione dei menu, aumentando la consapevolezza dei dipendenti sulle scelte alimentari e migliorando la comprensione interna degli ingredienti da utilizzare nei pasti e negli spuntini. L’azienda lavorerà anche con fornitori e clienti per incoraggiarli ad adottare tali pratiche nelle proprie attività.

L’impegno fa parte del più ampio impegno di Nestlé per raggiungere zero emissioni nette di gas a effetto serra dal campo alla tavola entro il 2050.

Gruppi che servono 940 milioni di pasti all’anno hanno già aderito a questa iniziativa, tra cui BASF, Bloomberg, Università di Cambridge, Città di Milano, Università di Harvard, IKEA, Seattle Children’s Hospital e la Banca Mondiale.

I dati preliminari indicano che se gli attuali firmatari dell’impegno raggiungono collettivamente l’obiettivo di riduzione del 25% entro il 2030, eviteranno ogni anno più di 1 milione di tonnellate di CO2e di emissioni di gas serra legate al cibo , il che equivale a togliere dalla strada più di 230.000 auto.