24 Ottobre, 2020

Le stampanti Epson a getto d’inchiostro con serbatoi ad alta capacità raggiungono quota 50 milioni

Grazie a questa soluzione, le emissioni di CO2 prodotte dai materiali di consumo si sono ridotte di oltre 160.000 tonnellate.

Cinisello Balsamo – Epson ha presentato per la prima volta le stampanti a getto d’inchiostro con serbatoi d’inchiostro ad alta capacità (ora note come EcoTank in molti mercati) nell’ottobre 2010, in Indonesia, ampliando costantemente la loro diffusione fino a raggiungere 170 Paesi nel 2019. Oggi le vendite totali nel mondo di queste stampanti hanno raggiunto i 50 milioni di unità. Inoltre, risparmiando sulla plastica, che è il componente principale delle cartucce d’inchiostro, l’azienda stima che le emissioni di CO2 siano state di circa 166.000 tonnellate inferiori rispetto a quelle che si sarebbero avute se queste unità fossero state stampanti a cartuccia1.

Con il lancio iniziale nei mercati emergenti e la successiva introduzione nelle economie avanzate, Epson ha visto i modelli di stampanti con serbatoi d’inchiostro ad alta capacità rappresentare ogni anno una percentuale crescente del mercato totale delle unità inkjet. Grazie anche alla notorietà del marchio e all’ampia gamma di prodotti, l’azienda ha continuato a mantenere per dieci anni consecutivi la quota mondiale più alta2 nel mercato delle stampanti con serbatoi d’inchiostro ad alta capacità.