18 Luglio 2024

Zarabazà

Solo buone notizie

GUARDA: LA NOSTRA STORIA FINORA

26/06/2017 - Bermuda (BDA) - 35th America's Cup Bermuda 2017 - America's Cup Match Presented by Louis Vuitton - Emirates Team New Zealand, Emirates, New Zealand Prize Giving

35 anni di alti e bassi, ma l’innovazione, il lavoro di squadra e la tenacia sono sempre stati al centro del team.

Fino agli anni ’60 gli unici due paesi, Canada e Gran Bretagna, potevano rivendicare di aver sfidato l’America’s Cup.

Attraverso 17 tentativi, il più vicino è arrivato alla vittoria è stato 3-2 nel 1920 e 4-2 nel 1934. Gli imbattibili americani, e una serie di vittorie passate dieci decenni, sono entrati nel regno della leggenda tirando fuori lo spirito combattivo nelle nazioni veliche Intorno al mondo.

Negli anni ’70 e ’80, Australia, Francia, Italia e Svezia si unirono a Gran Bretagna e Canada nel tentativo di rivendicare il premio finale nella vela. Ancora una volta, l’Australia è emersa vittoriosa nella Challenger Selection Series, vincendo il diritto di Challenge for the Cup sei volte sulle sette successive. Poi, finalmente, nel 1983, Alan Bond al suo quarto tentativo, con una squadra che navigava nella meraviglia del design avvolta dalla segretezza, Australia II, rubò la scena e spostò il trofeo più antico nello sport nel Pacifico meridionale.

Con la regata ora accanto a Fremantle, la Nuova Zelanda ha deciso che qualsiasi cosa il combattente australiano della porta accanto potesse fare, avrebbero potuto fare di meglio, e Sir Michael Fay è entrato in KZ-7 (Kiwi Magic) nella Challenger Selection Series del 1987. 

Fin dall’inizio, l’innovazione e la volontà di pensare fuori dagli schemi erano evidenti nella sfida, con KZ-7 che sfoggiava uno scafo in fibra di vetro quando la norma dei 12 metri era l’alluminio. Chiamato “cheat” dal nemico di lunga data della Nuova Zelanda Dennis Conner, KZ-7 ha comunque dominato l’intera serie di selezione fino alle finali. Era solo la mancanza di esperienza nelle finali che non poteva battere l’astuzia di Conner e la velocità a stelle e strisce.

La coraggiosa esibizione d’esordio ha conquistato una nazione, ed è nata una storia d’amore con la Coppa. Portando l’innovazione in una direzione improbabile, Sir Michael Fay, con una lettura rigorosa del Deed of Gift e della Corte Suprema di New York, ha progettato la Big Boat Challenge nel 1988 invece di un’altra tradizionale regata di 12 metri. 

Nonostante una discrepanza sull’acqua, l’innovazione e il cambio di rotta tentati dalla sfida Kiwi hanno inaugurato un’era completamente nuova delle regate dell’America’s Cup con lo sviluppo degli yacht International America’s Cup Class per sostituire i 12 metri vecchi e ora piuttosto lenti.

Nel 1992, Michael Fay e il team della Nuova Zelanda hanno spinto i limiti ancora una volta lanciando NZL20, una barca con doppia chiglia e senza timone. Ancora una volta, hanno dominato la serie di selezione, fino alla finale, prima della loro innovazione, e un bompresso non convenzionale è stato preso di mira dagli abili avvocati dello sfidante italiano “Il Moro di Venezia”. Con il vento rubato, i Kiwi sono stati inferiori, a sole due vittorie dalla loro prima partita di Coppa America.

I Kiwi stavano trovando il loro passo ora e conoscevano il gioco dall’acqua al regolamento. Nel 1995, la forte leadership di Sir Peter Blake e un innovativo programma di sviluppo di due barche hanno fornito un’altra forza dominante in tutta la Challenger Selection Series, ma dove i team precedenti hanno fallito in 87, 88 e 92, Black Magic e il suo equipaggio hanno offerto un’impressionante esibizione di senza sforzo supremazia della vela, vincendo la finale di Louis Vuitton 5-1 e l’America’s Cup Match 5-0

L’America’s Cup stava tornando nel Pacifico meridionale, questa volta in Nuova Zelanda.

La Coppa era stata strappata due volte dall’America, ma nei suoi 150 anni di storia non era ancora stata difesa con successo al di fuori degli Stati Uniti. Quando la 30a  edizione dell’America’s Cup prese il via ad Auckland, in Nuova Zelanda, nell’estate del 2000, non fu una sorpresa che 11 sfidanti, tra cui 5 diverse squadre americane, fossero nel porto cercando di renderlo il più difficile possibile per il team neozelandese.

La serie di selezione che seguì produsse alcune delle corse più vicine ed emozionanti nella storia della Coppa America. Prada Challenge dall’Italia e dall’America One ha raggiunto la finale ed è andato fino a nove gare scambiandosi vittorie avanti e indietro prima che Prada alla fine emergesse vincitore.

Mentre molti pensavano che l’impressionante dimostrazione di velocità e abilità durante la serie di selezione annunciasse qualcosa di spettacolare nella finale di Coppa, il Team New Zealand se ne andò con la prima difesa di successo al di fuori dell’America battendo enfaticamente la sfida di Prada 5-0.

I kiwi sembravano imbattibili.

Se questo era un film di Hollywood, l’inizio del secondo atto è stato perfettamente sincronizzato con la defezione del nucleo affiatato di membri chiave proprio al culmine dell’abilità velica delle squadre. Un giorno il Team New Zealand era il re indiscusso della vela, quello dopo erano David, che guardavano al probabile esito di un confronto diretto con il Golia che avevano contribuito a realizzare.

Alinghi e i loro ex compagni di squadra hanno effettivamente fatto la finale dell’America’s Cup, e si è scoperto che la squadra Kiwi si era ostacolata per essere troppo innovativa e ambiziosa. Forse sentendo la mancanza di esperienza e competenza che aveva abbandonato la nave, il team si è spinto troppo oltre con il risultato di essere una barca che avrebbe potuto essere veloce, ma non aveva l’affidabilità per mettere in piedi una difesa di successo.

Alinghi vinse facilmente 5-0 e portò la Coppa America in Europa per la prima volta dal 1851. Un giro di pagina e inizia il terzo atto, la squadra ha portato nuovi sponsor, nuovi partner e assunto nuovo sangue. Il Team New Zealand diventa Emirates Team New Zealand e con un mix di personale vecchio e nuovo, Grant Dalton ha preso le redini e ha iniziato a ricostruire la squadra. La voglia di innovare è rimasta nel cuore del team, come era stata dall’inizio, ma questa volta è stata temperata con un approccio realistico per rendere più probabile l’impossibile ma senza rinunciare all’affidabilità.Con la ricostruzione completa, la barca e il team sono tornati ai loro modi dominanti a Valencia, facendosi strada facilmente attraverso la Challenger Selection Series prima di prendere la finale 5-0 da Luna Rossa. Il team aveva lavorato sodo, le gare erano state fantastiche e il luogo era fantastico, tutto ciò che dovevano fare era combattere i loro vecchi compagni di squadra nei venti caldi al largo della costa della Spagna e vincere altre 5 gare.Entrando in gara 7 della finale di Coppa America, Emirates Team New Zealand era sotto 4-2 in quella che era una regata molto combattuta, Alinghi aveva un vantaggio frazionario sulla velocità della barca, ma la Nuova Zelanda sapeva come sfruttare al meglio ogni opportunità e aveva resistito Là. In testa, e in vista della linea, avanti di 180 metri, Emirates Team New Zealand ha dovuto solo eseguire un giro di penalità prima che Alinghi colpisse la linea per mantenere viva la serie. Non doveva essere, hanno girato troppo presto e Alinghi li ha picchiati di 1 secondo. 

Il 32 °  Coppa America era finita.La sconfitta per 5-2 non era la vittoria che speravano, ma erano tornati ai loro modi di combattere ed erano su una strada che sapevano percorrere, se avessero continuato, era solo questione di tempo.Quindi Emirates Team New Zealand ha affrontato uno dei periodi più difficili della sua esistenza, cercando di sopravvivere mentre una lunga battaglia legale tra Larry Ellison e il suo team Oracle e il Difensore Alinghi ha portato a una sfida Deed of Gift, che escluderebbe tutte le altre squadre. Il risultato fu che per la prima volta dal 1987, la Nuova Zelanda non avrebbe partecipato a una regata di Coppa America e per la prima volta dal 1995, i Kiwi non erano sulla linea di partenza della partita di Coppa America.Ellison e Oracle Racing alla fine hanno vinto la battaglia dei multiscafi giganti e proprio come nel 1988, la partita Deed of Gift del 2010 ha segnato la fine di quella che era stata la classe attuale, dopo cinque fantastiche edizioni la IACC è stata fatta e la Coppa stava guadagnando velocità di nuovo. Nel 2013, le squadre avrebbero gareggiato con catamarani da 72 piedi nella baia di San Francisco.

Per quanto forti, quanto più esperti potevano sperare di essere e con un design che ha preso d’assalto il mondo, Emirates Team New Zealand ha sventato un catamarano da 72 piedi attraverso una scappatoia nel protocollo per la 34a  Coppa America. La nuova classe di gatti non è mai stata concepita per sventare, le regole stesse sono state scritte in modo tale da renderlo quasi impossibile, ma i Kiwi hanno trovato un modo.L’introduzione del foiling è stata rivoluzionaria nello sport e le altre squadre della 34a  America’s Cup hanno iniziato a recuperare dal momento in cui è iniziato un dibattito sul fatto che l’immagine di un catamarano sventolante Emirates Team New Zealand fosse reale o photoshoppata.Allo stato attuale, Emirates Team New Zealand sembrava aver navigato via con l’America’s Cup, raggiungendo un vantaggio per 8-1 prima che Oracle e la loro sostanziale risorsa raggiungessero e trovassero il loro ritmo vincendo 8-9 nel vincitore che prende tutta la gara finale.

Avvicinarsi come hanno fatto loro, rimanendo ancora corti, è stato un risultato straziante seguito da un periodo difficile per tutta la squadra, ma non la fine della strada o la fine della storia.

Emirates Team New Zealand ha vinto l’America’s Cup al 4 °  tentativo, avvicinandosi ogni volta sempre di più prima di ritirarsi con la Coppa nel 1995 con una dimostrazione clinica di dominio della vela. 

La storia doveva ripetersi nel 2017, quando Emirates Team New Zealand, al loro 4 °  tentativo, ogni volta avvicinandosi sempre di più, ha dominato l’America’s Cup 2017 alle Bermuda. Come sempre, il design guidato dall’innovazione e dal pensiero fuori dagli schemi, ha prodotto un catamarano con foil AC50 che ha superato ogni altra squadra in quello che doveva essere il più vicino possibile a una partita di design come una Coppa America potrebbe ottenere. Anche un ribaltamento quasi catastrofico durante la Challenger Selection Series non è riuscito a trattenere i kiwi, e quando hanno fatto la finale di Coppa America, sono scappati 7-1.

Ogni anno, ogni sfida, ha visto i Kiwi innovare il mondo della vela, facendolo con uno zelo quasi folle per inseguire l’apparentemente impossibile. Dal 1987 sono stati in nove delle ultime dieci regate e sulla linea di partenza della Coppa America sei delle ultime sette partite. Ci sono stati molti alti e molti bassi, ma sopravvivere e innovare è ciò che Emirates Team New Zealand fa come squadra, è ciò che fanno come nazione, la vela è nel DNA Kiwi e dare tutto è nel loro sangue.La storia si ripeterà di nuovo? C’è una seconda difesa di successo sulle carte? Nel 2021, Emirates Team New Zealand darà di nuovo tutto nel tentativo di difendersi e alla fine vincere l’America’s Cup per la quarta volta.