25 Ottobre, 2020

IKEA rimuoverà le batterie alcaline non ricaricabili entro il 2021

IKEA Range & Supply ha annunciato che tutte le batterie alcaline non ricaricabili saranno rimosse dalla gamma globale di mobili per la casa entro ottobre 2021. IKEA si impegna a ispirare e consentire alle persone di vivere una vita più sana e sostenibile a casa e sostituendo le batterie alcaline con batterie ricaricabili, IKEA può aiutare i clienti a risparmiare in modo sostanziale sull’ambiente e sul portafoglio. 

Già dopo 10 ricariche di una batteria NiHM ricaricabile, come la gamma LADDA venduta nei negozi IKEA, le emissioni di gas serra sono inferiori rispetto all’utilizzo di batterie alcaline per ottenere la stessa quantità di energia. Quando si raggiungono circa 50 cariche, l’ impatto ambientale complessivo 1 delle batterie NiMH è uguale o addirittura inferiore all’impatto dell’utilizzo di batterie alcaline . 2

 “I consumatori che hanno bisogno di usare frequentemente le batterie possono trarre vantaggio dalla sostituzione delle batterie alcaline con batterie ricaricabili. Ci sono notevoli risparmi da realizzare nel tempo – sull’ambiente e sui loro portafogli. L’anno scorso IKEA ha venduto circa 300 milioni di batterie alcaline in tutto il mondo, quindi vediamo un grande potenziale per ispirare i nostri clienti ad adottare nuovi comportamenti e utilizzare le batterie ricaricabili al massimo delle loro potenzialità “ , afferma Emelie Knoester, Business Area Manager di IKEA Range & Supply.

Nel FY19, IKEA ha venduto circa 300 milioni di batterie alcaline in tutto il mondo. I calcoli indicano che se, ipoteticamente, tutti i clienti IKEA passassero dalle batterie alcaline ALKALISK alle batterie ricaricabili LADDA, le utilizzassero per dispositivi ad alto consumo e le caricassero solo 50 volte, la riduzione globale dei rifiuti sarebbe di 5.000 tonnellate su base annua. 3 Poiché una batteria LADDA può essere caricata fino a 500 volte, esiste il potenziale per ridurre gli sprechi aggiuntivi.   

 “Siamo in viaggio per ispirare e consentire alle persone di vivere una vita più sana e sostenibile entro i confini del pianeta. Eliminando gradualmente le batterie alcaline e concentrandoci sulla nostra gamma di batterie ricaricabili, stiamo facendo un passo in questo viaggio, offrendo ai clienti una soluzione conveniente e conveniente per prolungare la vita di prodotti e materiali e ridurre gli sprechi “ , afferma Caroline Reid, Responsabile dello sviluppo sostenibile presso IKEA Range & Supply.

  1. Cambiamenti climatici, acidificazione, eutrofizzazione (terrestre, d’acqua dolce e marina), ecotossicità dell’acqua dolce, tossicità umana (effetti del cancro ed effetti non cancerogeni), particolato, esaurimento delle risorse idriche e esaurimento delle risorse minerali e fossili)
  2. Analisi comparativa del ciclo di vita delle batterie alcaline rispetto alle batterie NiMH ricaricabili. Dolci et al., 2016; Mahmud, 2019; Parsons, 2007 e Menet e Gruescu, 2013.
  3. I calcoli si basano sugli studi LCA comparativi elencati nella nota 1, estrapolati alle batterie LADDA e ALKALISK, sulla base dei dati di vendita FY19 di LADDA e assumendo che tutte le batterie LADDA siano caricate 50 volte secondo gli standard IEC 61951-2 Ed.3 (2011) e in dispositivi ad alto consumo.