31 Ottobre, 2020

Moschino Primavera/Estate 2021

“Mentre le cuciture del mondo sembrano disfarsi, il nudo meccanismo interno di qualcosa di nuovo viene alla luce” Jeremy Scott Creative Director di Moschino

In breve tempo il mondo è impazzito. Non si è capovolto ma certamente stiamo vivendo sottosopra, inside-out. Ogni cosa è d’un tratto surreale ma paradossalmente anche troppo reale.

È un luogo che riconosciamo ma che sentiamo allo stesso tempo straniero, alieno ed effettivamente inquietante.

Eppure attraverso questo paradigma si scriverà una convenzione del tutto nuova. Il vecchio manuale verrà bruciato. Sta già bruciando. È un nuovo inizio.

I meccanismi interni sono messi a nudo; il modo in cui esistono e si evolvono cambierà.

Nel 2020 il sistema che conosciamo è stato esposto e reso visibile a tutti.

Jeremy Scott ha scelto di rappresentare questo fenomeno e creare, partendo da esso.

La collezione Moschino Donna Primavera/Estate 2021 da lui disegnata, rivela questi meccanismi interni, che solitamente rimangono nascosti e ignorati.

Bordi, cuciture, stecche da corsetteria, pannelli, pince e rifiniture appaiono sulla parte esterna dei capi. Le tasche dei pantaloni sventolano liberamente come drappeggi a petalo. Una zip su un abito scollato è applicata esternamente, per terminare in un risvolto in jacquard dorato cucito sul retro.  Gli abiti sono accuratamente realizzati inside-out, mentre le sottogonne di tulle si allungano oltre gli orli per creare silhouette e proporzioni non convenzionali.

La palette è ammorbidita e sfuma negli ori tenui, nei princess blu, nei rosa e verde pastello. Una stampa piume ricorda le intime sfilate nei saloni della Parigi di una volta. Questi elementi raffinati parlano di un reset, di quiete come soluzione all’inarrestabile rumore globale.

La sfilata Primavera/Estate 2021 è presentata con un video e parlando di presentazioni nostalgiche, le eleganti marionette-indossatrici, create da The Jim Henson Creature Shop, sono state riprese mentre attraversano i saloni che fanno da set ad un défilé dallo stile classico.

Come le modelle, anche abiti, borse, scarpe e tutti gli accessori,

sono stati ridotti alle misure di una marionetta.

Secondo Moschino per dare il via ad un nuovo inizio è necessario partire con qualcosa di piccolo.

Director: Jeremy Scott

Producer: Alex Winter

Executive Producers: Geoff Yim and Scott Kroopf

Co-Producers: Devorah DeVries, Jade Allen and Eileen Kwon

DP: Anghel Decca

Production Design: Melanie Jones

Sound: Michelle Guasto

Field Producer: Kieran de Leon-Horton

Music: Michel Gaubert

Stitch Editorial

Editor: Weston Cadwell

Post Producer: Mila Davis

Assistant Post Producer: Lawrence Ng

VFX Artist: Mitch Gardiner

Colorist: Michael Gossen


Puppets designed and built by: Jim Henson’s Creature Shop

Creative Supervisor: Peter Brooke

Business Development: Jeremy Nocon

Production Manager: Amy Smith

Master Marionettist: Tim Lagasse

Robert Bennett

John Criswell

Scott Johnson

Greg Aprahamian

Andrea Coleman

Andrea Detwiler

Tim Lagasse

Russ Lukich

Jim McKenzie

Gary Pawlowski

Daniel Stilley

Chad Thomas