31 Ottobre, 2020

NUOVO CINEMA CORTINA

Il Cinema a Cortina è all’Alexander Girardi Hall:

la prima proiezione, gratuita per inaugurare la nuova sala, sarà dedicata al capolavoro di Christopher Nolan, “Tenet”, venerdì 25 settembre alle 20.45.

Cortina d’Ampezzo_Il venerdì sera al Cinema, a Cortina, all’Alexander Girardi Hall: maxi schermo e audio Dolby Digital 5.1; il capolavoro di Christopher Nolan, “Tenet”, film che ha fatto del Quadrato del Sator – palindromo ricorrente in molteplici reperti archeologici – un successo cinematografico in era Covid, saldo al primo posto in Italia: agli ingredienti per una serata perfetta in compagnia della settima arte, si aggiunge la gratuità della proiezione di venerdì 25 settembre alle ore 20.45.

Si replica sabato 26 settembre, a pagamento, con un doppio spettacolo alle ore 17.30 e alle 20.45. Sabato 3 e domenica 4 ottobre è il momento di “Endless”, alle 17.30 e alle 20.45, pellicola fantasy-sentimentale diretta da Scott Speer.

Sabato 10 e domenica 11 ottobre due diversi titoli ogni giorno: alle 17.30 il film di animazione “Onward-Oltre la magia” di Dan Scanlon e alle 20.45 la commedia scritta e diretta dalla coppia d’oro del cinema francese, Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte, “Il meglio deve ancora venire”.

All’emozione di assistere a un film nelle sale, si aggiunge il piacere di assaporarlo a Cortina, set di oltre 70 pellicole nazionali e internazionali a partire dal primo lungometraggio di Luis Trenker e Karl Hartl, Montagne in fiamme del 1931: qui sotto un rapido excursus nella Cortina cinematografica.

La Cortina cinematografica:

Dal primo lungometraggio di Luis Trenker e Karl Hartl, Montagne in fiamme del 1931, le cime e la conca d’Ampezzo hanno continuato a prestare il loro fascino al mondo del cinema e non solo con film dedicati alla montagna come Pian delle stelle di Giorgio Ferroni (1946) e Montagna di Cristallo di Anton e Cass. Nel 1959, con Vacanze d’inverno – protagonista un imbranato Alberto Sordi in soggiorno nella valle ampezzana – si inaugura il filone del cinema vacanziero-festaiolo, portato al successo negli anni Ottanta da Vacanze di Natele dei fratelli Vanzina. Cortina però non è stata soltanto teatro di comiche, malintesi e amori tutti da ridere. Le vette del Lagazuoi e del Falzarego, a esempio, sono state trasformate da Sergio Corbucci in uno scarno e gelido paesaggio dello Utah per il western crepuscolare Il Grande Silenzio (1968). Nello stesso anno arrivano in Ampezzo anche Totò e Peppino de Filippo per Letto a tre piazze. E se neanche la fascinosa Faye Dunaway ha resistito al richiamo della Regina, che la ospita per girare Amanti di Vittorio de Sica, non si può dimenticare come anche James Bond-Roger Moore abbia affrontato uno dei suoi più spericolati inseguimenti proprio in Ampezzo (Solo per i tuoi occhi). Cortina infine è riuscita nell’impresa di far smettere i panni di Rambo a Sylvester Stallone che girò, nel 1993, Cliffhanger. Un cenno speciale merita l’esilarante Pantera rosa di Black Edwards, storica pellicola in cui Claudia Cardinale e Peter Sellers si muovono tra le nevi ampezzane dando vita a un esilarante incrocio tra sofisticata commedia e pochade.