8 Agosto, 2020

Le prestazioni complessive sono state influenzate da COVID-19, poiché il secondo trimestre ha rispecchiato il pieno effetto della pandemia, mentre i mercati distorti fuori sede hanno mostrato una buona resilienza

Il forte slancio del marchio continua su tutti i mercati chiave, con le spedizioni che si muovono dietro tendenze positive di sell-out in off-premise a causa del destocking

Convocazione della prima assemblea degli azionisti del 18 settembre 2020

Aspetti salienti di H1 2020

·           Come previsto , il secondo trimestre è stato influenzato dal pieno effetto della pandemia di COVID-19 e dalle successive misure restrittive nei mercati chiave.

·           Vendite dichiarate di 768,7 milioni di euro , con un calo organico del -11,3% . Su base riportata , variazione totale del -9,4% dopo un effetto perimetrale positivo e un effetto cambi leggermente negativo.

· L’          EBIT rettificato [1] di € 130,4 milioni , in calo organico del -30,8% , a fronte di una base di confronto difficile , dovuta in gran parte all’impatto di COVID-19 , colpendo in particolare l’attività di aperitivo distorta ad alto margine e on-premise. Le iniziative di contenimento dei costi nel secondo trimestre in A&P e SG&A hanno contribuito a contenere la diluizione dei margini, ancora fortemente influenzata dal declino della linea superiore e dal minore assorbimento dei costi fissi (-27,8% nel secondo trimestre, diluizione dei margini di 320 pb).

· L’          utile netto di gruppo rettificato [2] di 77,6 milioni di euro , in calo del -33,5% . Utile netto del Gruppo € 73,0 milioni , in calo del -40,6% .

·           L’indebitamento finanziario netto di € 1,061.5 milioni al 30 giugno th , 2020, in aumento di € 284,2 milioni rispetto a € 777,4 milioni al 31 dicembre st , 2019, dovuto principalmente alle acquisizioni del distributore francese e champagne Lallier, l’investimento in Tannico , nonché il pagamento dei dividendi e il riacquisto di azioni, per un importo complessivo di 281,2 milioni di € [3] .

Milano, 28 luglio 2020 – Il Consiglio di amministrazione di Davide Campari-Milano NV (Reuters CPRI.MI-Bloomberg CPR IM) ha approvato i risultati consolidati per il primo semestre chiuso al 30 giugno 2020.

Risultati semestrali e orientamento 2020

Con la maggior parte dei mercati distorti on-premise influenzati da COVID-19, le prestazioni commerciali del Gruppo Campari sono state particolarmente influenzate durante il secondo trimestre, la stagione di punta per il business degli aperitivi inclinati ad alto margine e altamente on-premise. Ciononostante, il forte slancio del sell-out del marchio fuori sede è proseguito in tutti i mercati chiave, sebbene le spedizioni siano rimaste al di sotto delle tendenze positive dei consumi a causa del destocking.

Guardando al resto dell’anno, per quanto riguarda la performance organica, mentre l’impatto COVID-19 continuerà a incidere, in particolare all’inizio del terzo trimestre, si prevede che l’impatto negativo diminuirà con il graduale revoca del restrittivo misure attraverso i mercati, in base all’attuale visibilità. Inoltre, si prevede che le spedizioni si adegueranno progressivamente alle tendenze positive di sell-out una volta completate le attività di destocking a livello di grossista.

Su base riportata, i risultati dell’intero anno dovrebbero essere influenzati da costi una tantum incrementali per un importo stimato complessivo di ca. 25 milioni di euro, oltre ai costi non ricorrenti registrati nel primo semestre, principalmente relativi alle iniziative di riorganizzazione aziendale nonché alle commissioni di transazione connesse alle recenti acquisizioni e al trasferimento della sede legale nei Paesi Bassi.

Bob Kunze-Concewitz, Amministratore delegato: ” Il semestre 2020 può certamente essere caratterizzato come un periodo straordinario, e lo scenario complessivo a breve termine sembra ancora essere incerto per quanto riguarda l’entità e i tempi della ripresa economica nel contesto della graduale revoca delle misure restrittive. Ciononostante, continuiamo a sperimentare solide tendenze di consumo per i nostri marchi in mercati chiave , sebbene le spedizioni siano temporaneamente influenzate dal destocking, in particolare, sul mercato statunitense. Mentre continueremo a intraprendere tutte le azioni necessarie per contenere gli effetti della pandemia sul business a breve termine, restiamo concentrati nel perseguire la nostra strategia a lungo termine, attraverso l’ accelerazione dii nostri programmi di trasformazione digitale ed e-commerce , rimanendo concentrati sulla nostra strategia di fusioni e acquisizioni e sfruttando la forza e la resilienza dei nostri marchi e organizzazioni per la futura crescita redditizia “.