8 Aprile, 2020

Rally Italia Sardegna è tradizione

Campionato Italiano Rally Terra

RIS e Regione Sardegna insieme per la promozione del motorsport e del territorio. Le 17 edizioni in Sardegna rafforzano il rapporto tra evento sportivo e radici culturali del territorio. 22 i comuni coinvolti per il 2020

La partnership tra l’organizzazione ad opera di ACI Sport per conto di ACI (Automobile Club d’Italia) e la Regione Sardegna ogni anno cementa il legame tra il rally e il territorio. All’alba della 17esima edizione – nuovo primato per il Rally d’Italia – la terra sarda ha stampato la sua impronta sull’evento regalando alla tappa italiana del World Rally Championship un’identità unica, sempre più legata alla tradizione, al popolo e alla regione che la ospita. L’aspetto caratteristico sarà ancora più evidente nel RIS 2020, anche attraverso i dettagli del percorso di gara.

Tagliando in due l’Isola il panorama del RIS è un caleidoscopio. Da ovest ad est e ritorno, dal giallo-rosso catalano di Alghero all’azzurro della Costa Smeralda e di Olbia, che quest’anno rientra tra le location centrali della manifestazione. In mezzo più di 1335 chilometri di percorso per raccontare la storia di una Regione unica tra le 20 dello Stivale. Fondamentale anche per la nuova edizione del RIS sarà il supporto dei Comuni sardi che accoglieranno la corsa, ben 22 lungo l’itinerario: Alà dei Sardi, Alghero, Bortigiadas, Buddusò, Castelsardo, Erula, Ittiri, Olbia, Olmedo, Oschiri, Osilo, Ozieri, Pattada, Perfugas, Porto Torres, Santa Maria Coghinas, Sassari, Sedini, Tempio Pausania, Tergu, Tula, Valledoria.

Identità diverse di uno stesso territorio che dal 2020 offriranno il nome delle loro località ai passaggi del rally. Le varie aree attraversate dalla gara infatti avranno un nome preso in prestito dalla zona di appartenenza, dai toponimi, dalla tradizione. I 12 tratti cronometrati, dallo shakedown alla power stage, saranno suddivisi in più zone all’interno delle quali verranno ricavate le aree media, spettatori e aree riservate ai Gold Pass. 29 nomi per 29 paesaggi e località caratteristiche, molte delle quali già riconosciute tra le mete turistiche più ambite d’Italia, altre celebri come i posti più attrattivi del rally. Tra le curiosità, cambiano anche i nomi dei salti, come il famoso “Micky’s Jump” che diventa “Salto di Lerno”.

29 AREE

SHAKEDOWN | OLMEDO: Bauxite Arena (sud/nord)

SSS1 CABU-ABBAS: Olbia Cabu Abass

SS2-7 TEMPIO PAUSANIA: Rinaggiu – Petramaina

SS3-6 ERULA-TULA: Turrina Manna (sud/nord)

SS4-6 SEDINI-CASTELSARDO: Roccia dell’Elefante – la Pecora Nera – Golfo dell’Asinara – Monte Ossoni

SS5-9 MONTE BARANTA: Bauxite Arena (sud/nord)

SS10-13 COILUNA LOELLE: Salto di Coiluna – Salto di Castrazza – Buddusò Arena – Nuraghe Loelle

SS11-14 MONTI DI Alà – SA CONCHEDDA: Monte Acuto – Santa Reparata – Vedetta Balestrieri

SS12-15 MONTE LERNO: Sos Vanzos – Salto di Lerno – Rio Mannu – Guado Su Filigosu

SS16 ITTIRI ARENA: Ittiri Arena

SS17/19 CALA FLUMINI: Su Lioni – Pozzo San Nicola – Rena Maiore

SS18-20 SASSARI ARGENTIERA: Palmadula – Costa di Ebidozzi (sud/nord)

PORTO TORRES REGROUP: Lungomare Balai

POWER STAGE PODIUM: Porto Palmas