4 Dicembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Mediterraneo, frontiere di pace’, in diretta su Tv2000 l’evento ‘Sulla stessa barca’

In onda sabato 22 febbraio ore 15.50

Riflessione e spettacolo con Erica Mou, Radiodervish, Enzo Avitabile, Mario Venuti, Sud Sound System, Monsieur David e il Teatro del piede

Presentano Arianna Ciampoli, Beatrice Fazi, Michele La Ginestra, Paola Saluzzi, Antonio Stornaiolo


Roma, 21 febbraio 2020. Musica, storie, poesia, comicità. Tv2000 trasmette in diretta dal Teatro Petruzzelli di Bari, sabato 22 febbraio ore 15.50, l’incontro di riflessione e spettacolo ‘Sulla stessa barca’ in occasione dell’incontro ‘Mediterraneo, frontiera di pace’ promosso dalla Conferenza episcopale italiana.

L’evento sostiene l’impegno per la pace che coinvolge tutti, non solo i cristiani. I protagonisti delle storie e gli artisti che si alternano sul palco provano a costruire – ognuno a suo modo, attraverso le parole, la musica, il vissuto – un ponte verso l’altra parte del Mediterraneo, a partire dalla consapevolezza di abbattere luoghi comuni e pregiudizi. 
Lo spettacolo è condotto da Arianna Ciampoli, Beatrice Fazi, Michele La Ginestra, Paola Saluzzi e Antonio Stornaiolo con la partecipazione del comico Alessio Giannone, in arte Pinuccio.

Sul palco anche artisti legati alla Puglia: Erica Mou che ha dedicato l’ album ‘Contro le onde’ al mare e i Radiodervish che attraverso i componenti del gruppo fondono due tradizioni musicali differenti, italiana (specificatamente barese) e palestinese. Ci sono poi Enzo Avitabile che unisce il pop al ritmo afroamericano; Mario Venuti e Sud Sound System; Monsieur David e l’incredibile Teatro del piede.

Tre i fili conduttori legano le performance. Il primo è ironico, per raccontare la realtà percepita, quella a cui fa più comodo credere; il secondo è esperienziale, per narrare che con l’impegno la realtà si può trasformare in meglio; il terzo è artistico, per dire che la musica, la poesia, l’arte in generale, possono parlare a tutti, contribuendo alla riflessione e a far cambiare la mentalità ottusa che spesso si fonda sui pregiudizi.

L’evento è scritto da Rossella Rizzi e Gida Salvino. Regia di Antonio Ammirati.