18 Gennaio, 2021

Marconi Express, si parte il 7 marzo

È fissato per il 7 marzo l’avvio dell’esercizio del People Mover, il servizio di navetta veloce su monorotaia tra la stazione centrale di Bologna e l’aeroporto Marconi, gestito dalla società Marconi Express Spa.

Da domani parte l’ultima fase del pre-esercizio – spiega la presidente di Marconi Express Spa, Rita Finzi – che, tra circa un mese, ci porterà al nulla osta all’esercizio e, poco dopo, all’apertura del servizio ai passeggeri. Con le nostre navette il sistema dell’Alta Velocità ferroviaria e il Marconi, uno dei principali scali italiani, in continua crescita come traffico e numero di passeggeri, si connettono attraverso un collegamento innovativo”.

Dopo l’approvazione del Regolamento d’esercizio e l’attuazione delle ultime prescrizioni richieste dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che ha determinato l’ottenimento della certificazione di agibilità dell’intero sistema da parte del MIT, nei giorni scorsi il personale addetto alla gestione del pre-esercizio ha superato positivamente gli esami di abilitazione. Domani, 22 gennaio, infatti, scatterà l’ultima fase del pre-esercizio, in cui le navette viaggeranno a vuoto lungo il tracciato dalla stazione all’aeroporto con frequenza e modalità analoghe a quelle del vero e proprio servizio passeggeri per circa 15 giorni. Concluso il pre-esercizio e ultimate le pratiche amministrative, verrà rilasciato il nulla osta all’esercizio (NOE) e il Marconi Express diventerà operativo sette giorni su sette, 365 giorni all’anno.

Il People Mover è la prima monorotaia realizzata in Italia a guida completamente automatica ed elettrica – spiega Rita Finzi –, il grado di innovazione del progetto ha comportato un complesso e lungo percorso di confronto tra istituzioni e tecnici, ma ora siamo di fatto pronti. Abbiamo programmato l’avvio del servizio per il 7 marzo in modo da poter concludere in sicurezza il pre-esercizio e la sua formalizzazione. Voglio ringraziare pubblicamente – conclude – le maestranze, i tecnici, i soci di Marconi Express per l’intenso lavoro di questi anni, lavoro che prosegue anche in questi e nei prossimi giorni, fino all’apertura dell’esercizio commerciale. Ringrazio i Soci, Consorzio Integra e Tper, che si sono impegnati finanziariamente su questo progetto in modo particolarmente eccezionale.   Un grazie anche al Comune di Bologna, alla Regione Emilia-Romagna e al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per averci guidato con spirito costruttivo in questo progetto così complesso. Naturalmente, superati tutti gli aspetti burocratici, il nostro impegno sarà prevalentemente concentrato sulla qualità del servizio da garantire ai passeggeri del Marconi Express”.

Il servizio

Il People Mover collega l’aeroporto Marconi alla stazione FS percorrendo in circa 7 minuti il tracciato di 5 km sopraelevato, quindi senza interferenze col traffico stradale. Presente a metà tragitto la stazione Lazzaretto, in cui è collocata la centrale operativa che governa tutto il sistema. Nelle ore di punta saranno effettuate 8 corse l’ora, con un’attesa media per i passeggeri di circa 4 minuti. Il sistema di 3 navette, ognuna da 50 posti, garantisce una capacità di trasporto di 570 passeggeri all’ora per direzione. Nella convenzione di concessione tra Comune di Bologna e Marconi Express SpA è previsto l’acquisto di un ulteriore veicolo non appena ve ne sarà l’esigenza in base alla domanda di servizio.

Biglietti e modalità di acquisto

Il biglietto ordinario con tariffa flex (utilizzabile entro 12 mesi dall’acquisto) ha un prezzo di 8,70 euro. L’andata e ritorno flex costa 16 euro, con ritorno da effettuare entro 30 giorni dall’andata. Possibile utilizzare il servizio anche per la sola tratta dalla stazione FS al Lazzaretto: in questo caso il costo è di 1,70 euro. Un sistema “antifurbi” impedisce a chi ha il biglietto per il Lazzaretto di proseguire verso l’aeroporto: il tagliando va infatti validato sia in entrata che in uscita. Il biglietto ordinario si può acquistare on-line, direttamente ai tornelli Pay&Go Contactless con carta di credito o con smartphone con tecnologia NFC, alle emettitrici automatiche presenti nelle stazioni del Marconi Express, sulle app del trasporto pubblico regionale “Muver” e “Roger” e presso le rivendite autorizzate.

I biglietti per le famiglie costano 18 euro sola andata e 34 euro andata e ritorno: sono validi per un massimo di 2 adulti e 3 ragazzi di età tra 5 e 16 anni compresi (il minimo è un adulto con un ragazzo), possono essere utilizzati solo nelle date scelte in fase di acquisto e sono nominativi.

Pagano meno anche i gruppi composti da almeno 10 persone: il prezzo è di 7 euro a persona, 14 euro nel caso di biglietto andata e ritorno. Anche i biglietti per i gruppi sono utilizzabili nelle date scelte in fase di acquisto e si possono comprare entro le ore 24 del giorno precedente il viaggio di andata.

I biglietti per le famiglie e quelli per i gruppi sono acquistabili esclusivamente on-line e vengono spediti all’indirizzo e-mail indicato in fase di acquisto come PDF contenenti un QR-code per ciascun viaggiatore che consente l’accesso ai varchi.

I bambini fino ai 4 anni compiuti viaggiano gratuitamente.

Il nuovo sito Marconiexpress.it

Consultabile in italiano e inglese, il nuovo sito progettato dallo studio Dina&Solomon consente di acquistare i biglietti ordinari, per famiglie e per gruppi direttamente da smartphone e computer, oltre a offrire informazioni su progetto, modalità di pagamento contactless e di viaggio, con le mappe dettagliate delle 3 stazioni del people mover. Le sezioni dedicate alle News e all’assistenza clienti sono arricchite da un’agenda, a cura di Bologna Welcome, con i principali eventi e luoghi da visitare in città, a servizio dei turisti destinati a Bologna. Sono attivi da tempo anche i profili social di Marconi Express su Facebook, Twitter e Instagram, dove è possibile ottenere aggiornamenti diretti sul servizio ed entrare in contatto con l’assistenza clienti.

Un mezzo pulito

Sul parapetto della passerella di sicurezza lungo la via di corsa sono stati installati 1904 pannelli fotovoltaici che forniscono circa il 35% del fabbisogno energetico del Marconi Express. Tale produzione di energia verde equivale a una riduzione di circa 300 tonnellate di CO2 pari all’effetto di circa 14mila alberi.

Bologna, 21 gennaio 2020

Il Marconi Express è la prima monorotaia in Italia a connettere la rete dell’Alta velocità ferroviaria con uno tra i primi 10 aeroporti nazionali per traffico di passeggeri. Collega infatti l’aeroporto Marconi (settimo scalo italiano con 9,4 milioni di passeggeri nel 2019) con l’Alta velocità e con il centro di Bologna grazie al terminal presso la stazione FS, centro nevralgico delle linee ferroviarie nazionali dove ogni anno transitano oltre 50 milioni di passeggeri.

Marconi Express Spa è la società di scopo nata per la progettazione, la costruzione e la gestione dell’opera in project financing. La società, composta da Consorzio Integra Società Cooperativa (75%) e da TPER-Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna (25%), è stata costituita nel 2010 come soggetto concessionario, a seguito dell’aggiudicazione della gara bandita dal Comune di Bologna nel 2008. La concessione ha una durata di 40 anni a partire da giugno 2009, data di firma della “Convenzione di concessione”.

Marconi Express in sintesi

Il Marconi Express è la prima monorotaia in Italia a connettere la rete dell’Alta velocità ferroviaria con uno tra i primi 10 aeroporti nazionali per traffico di passeggeri. Collega infatti l’aeroporto Marconi (settimo scalo italiano con 9,4 milioni di passeggeri nel 2019) con l’Alta velocità e con il centro di Bologna grazie al terminal presso la stazione FS, centro nevralgico delle linee ferroviarie nazionali dove ogni anno transitano oltre 50 milioni di passeggeri.

Il Marconi Express è un sistema di trasporto di massa a guida vincolata e integralmente automatizzato, cioè senza conducente a bordo. Il tracciato scorre su una via di corsa lunga 5 km in sopraelevazione, quindi senza interferenze con il traffico stradale.

A metà tracciato è presente la stazione intermedia Lazzaretto che ospita la centrale operativa (OCC), il “cervello” del sistema da cui gli operatori controllano i veicoli. Vi sono collocate anche le rimesse e le cabine elettriche di trasformazione per alimentare le navette.

La società concessionaria

Marconi Express Spa è la società di scopo nata per la progettazione, la costruzione e la gestione dell’opera in project financing. La società, composta da Consorzio Integra Società Cooperativa (75%) e da TPER-Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna (25%), è stata costituita nel 2010 come soggetto concessionario, a seguito dell’aggiudicazione della gara bandita dal Comune di Bologna nel 2008. La concessione ha una durata di 40 anni a partire da giugno 2009, data di firma della “Convenzione di concessione”.

Il progetto

La progettazione coordinata dell’infrastruttura è stata realizzata dalle società di ingegneria MATE Engineering e STS di Bologna, mentre il progetto architettonico è di Iosa Ghini Associati.

La passerella, il ponte per lo scavalco dell’autostrada A14 e le fermate sono gli elementi architettonici che caratterizzano l’intera opera, studiati per contenere dei riferimenti al contesto bolognese, reinterpretando in chiave moderna le forme e gli archetipi dell’edilizia rurale. L’infrastruttura appare leggera e slanciata, priva di sovrastrutture sospese poiché i veicoli sono alimentati dalla rotaia. La via di corsa e la passerella di sicurezza sono racchiuse da pannelli di lamiera stirata che donano compattezza e trasparenza alla via di corsa. Il parapetto fa anche da supporto a un lungo “nastro” di pannelli fotovoltaici che forniscono oltre un terzo del fabbisogno energetico del Marconi Express, pari a circa 300 tonnellate di CO2 in meno o a 14.000 alberi in più. Il ponte di scavalco dell’A14 chiama “Link” e gli elementi che lo compongono hanno forme naturali e semplici che donano dinamicità all’intera infrastruttura.

Servizio e biglietti

Il Marconi Express collega l’aeroporto Marconi alla stazione FS in circa 7 minuti. Il servizio sarà attivo dalle ore 5,40 alle 24, sette giorni su 7 per 365 giorni all’anno. Nelle ore di punta sono previste 8 corse l’ora, con un’attesa media per i passeggeri di circa 4 minuti. La capacità di trasporto del sistema con gli attuali 3 veicoli è di 570 passeggeri all’ora per direzione.

Il biglietto costerà 8,70 euro, 16 euro andata-ritorno, con possibilità di accedere pagando direttamente al tornello con carte contactless. Per la tratta Lazzaretto-stazione FS, la tariffazione sarà di 1,70 euro, mentre la tratta Lazzaretto-aeroporto sarà a tariffa piena. Il biglietto va validato sia in entrata che in uscita e il tornello si apre solo esibendo il titolo di viaggio coerente.

I biglietti potranno essere acquistati online, sulle APP del trasporto pubblico della Regione Emilia-Romagna (RogER e MuvER), e presso rivendite Tper, Bologna Welcome e in altri punti convenzionati.

Il servizio è privo di barriere architettoniche ed è dotato di percorsi per non vedenti in continuità con quelli di aeroporto e stazione, tutti al coperto.

Nei primi mesi di esercizio sarà presente in banchina personale per offrire supporto ai passeggeri.

Tempi

I cantieri del Marconi Express sono ufficialmente iniziati l’1 novembre 2015. Le opere civili si sono concluse il 31 ottobre 2018, come previsto nel cronoprogramma. A giorni inizierà la fase conclusiva del pre-esercizio preliminare all’ottenimento del “Nulla osta all’esercizio” (NOE).

La tecnologia

I veicoli e il sistema di gestione sono prodotti da Intamin Transportation, leader mondiale nella realizzazione di sistemi di trasporto su monorotaia, con oltre 40 anni di esperienza. Monorotaie simili sono presenti a Mosca, Ashgabat (Turkmeinstein), Port Harcourt (Nigeria), in Corea e in Cina. I veicoli in dotazione al Marconi Express sono 3, del modello P30: ciascun mezzo ha una capacità di 50 passeggeri, suddivisi in 2 scompartimenti di uguali dimensioni. Raggiungono i 70 km/h e permettono di dare al sistema una velocità commerciale di 40 km/h. Con questa configurazione, il Marconi Express consente di trasportare 570 passeggeri all’ora per direzione. Un quarto veicolo potrà essere inserito senza modifiche infrastrutturali quando necessario (si prevede intorno al 2030). I punti critici dell’infrastruttura (ponte e sottopasso della linea ferroviaria) sono già predisposti per un eventuale raddoppio del binario.

Sicurezza

Stazioni e veicoli sono dotati di altoparlanti, monitor e telecamere, e sono costantemente monitorati dalla sala di controllo.

I passeggeri possono mettersi in contatto con la centrale operativa attraverso un sistema di comunicazione vocale situato all’interno di ogni veicolo.

Tutta la via di corsa è affiancata da una passerella di sicurezza dalla quale i passeggeri possono essere evacuati in caso di emergenza: troveranno una rampa di discesa nel raggio di 250 metri da qualsiasi eventuale punto di arresto.

In caso di blackout lo svolgimento del servizio è garantito dai gruppi di continuità. Inoltre, qualora fosse necessario, un mezzo di soccorso ad alimentazione diesel può essere utilizzato per raggiungere e trainare i veicoli nella stazione più vicina.

La tecnologia informatica, i veicoli e le opere civili (via di corsa, pile, stazioni) saranno controllate durante l’esercizio secondo quanto predisposto dai “manuali di manutenzione”, verificati anche dalla Commissione di sicurezza del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Impatto ambientale

Sul parapetto della passerella di sicurezza lungo la via di corsa sono stati installati 1904 pannelli fotovoltaici che forniranno circa il 35% del fabbisogno energetico del Marconi Express. Tale produzione di energia verde equivale a una riduzione di circa 300 tonnellate di CO2.

Il consumo di suolo dell’opera è limitato alle impronte delle pile in calcestruzzo che sorreggono la via di corsa. Il tracciato scorre su cave dismesse e su aree demaniali, senza toccare aree agricole né fortemente urbanizzate.

La Valutazione di impatto ambientale (VIA) è stata svolta e conclusa, su base volontaria su richiesta del concedente, nell’ambito dell’iter autorizzativo dell’opera.

Piano economico finanziario

Il Marconi Express è un progetto in project financing che ha richiesto un investimento complessivo di circa 125 milioni di euro, per la maggior parte di origine privata: 60 milioni sono stati finanziati dalle banche, 25 milioni sono stati apportati dai soci di Marconi Express, 13 dall’Aeroporto di Bologna (principale fruitore del servizio), 27 sono di contributo pubblico regionale.

Per i primi 14 anni, il flusso di cassa – al netto dei costi di esercizio e di funzionamento della società – verrà utilizzato per il pagamento del debito con le banche.

Una volta restituito il debito alle banche, i ricavi cominceranno a remunerare il capitale di rischio immesso dai soci, che potranno quindi iniziare a recuperare il proprio investimento.

Informazioni generali

Ente concedente: Comune di Bologna

Concessionario: Marconi Express spa

Soci: Consorzio Integra 75% – TPER 25%

Progettazione Generale:  MATE Engineering / STS

Progetto strutture:   Studio Bruni & Gandolfi – Studio Matildi + Partners

Progetto architettura: Iosa Ghini Associati

Progetto ambientale: Galileo Ingegneria Srl

L’infrastruttura

Lunghezza tracciato: 5095 metri

Sopraelevazione media: 5 metri

Numero pile: 125

Stazioni: Aeroporto, Lazzaretto, Stazione FS

Durata cantieri: 36 mesi

Costo: 125 milioni

Fonti di copertura:

•           35 mln di equity fornita dai Soci e da Aeroporto di Bologna

•           27 mln contributo della Regione

•           3 mln contributo dell’Aeroporto di Bologna

•           60 mln finanziamento delle Banche

Veicoli P30 Intamin

Lunghezza singolo veicolo: 17 metri

Capacità singolo veicolo: 50 persone

Capacità del sistema di 3 veicoli in esercizio:  570 pax/h/per direzione

Velocità massima: 70 km/h

Velocità commerciale: 40 km/h

Il servizio

Durata del tragitto: 7’30’’ minuti

Attesa media: 3,5 minuti in ora di punta

Costo del biglietto: 8,70 euro