29 Novembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

James Frey CUORI SCURI Il prequel di In un milione di piccoli pezzi Titolo originale: Katerina – Traduzione di Flavio Iannelli Pagine 338 – Prezzo: 15,00 € In libreria dal 23 gennaio Un anno di vita sregolata a Parigi: alcol, droga, sesso e il sogno di diventare scrittore, come Henry Miller Un bacio, un sorriso, un fremito. Amore, sesso, sogni, arte, droga, follia. Tradimento, rimpianto, dolore, malinconia. Cuori scuri, il nuovo, esplosivo romanzo di James Frey, è un’impetuosa e tormentatissima storia d’amore che si svolge tra Parigi nel 1992 e Los Angeles nel 2017. Al centro di questa storia ci sono un giovane scrittore e una modella scandinava affamati di successo, entrambi incoscienti, impulsivi e profondamente innamorati. I due si amano, si consumano, si feriscono, si perdono. Venticinque anni dopo, il protagonista, che è diventato uno scrittore ricco, famoso e depresso, riceve un messaggio anonimo che gli restituisce la vita, e forse l’amore che aveva abbandonato anni prima, anche se è troppo tardi. Scritto nello stesso stile impulsivo e mozzafiato di In un milione di piccoli pezzi, Cuori scuri ne è il prequel e offre al lettore un’eco di quel controverso memoir, mettendo in scena la stessa miscela di fiction e realtà che ha creato, distrutto e poi ricreato il personaggio James Frey nell’immaginario collettivo. «Grazie a una prosa esplosiva e sconvolgente, l’autore ci conduce tra Los Angeles e Parigi in un viaggio turbolento, scandaloso, rilevatore.» Library Journal «James Frey reimmagina il proprio passato scrivendo un romanzo scorrevole e appassionante nello stesso stile che lo ha reso celebre.» Booklist La stampa su In un milione di piccoli pezzi «Una testimonianza struggente… Illuminante, essenziale, assolutamente notevole.» Bret Easton Ellis «È un libro notevole, a mio parere, soprattutto per come è scritto. Senza una sbrodolatura, senza ombra di sentimentalismo o retorica: una cosa cruda, feroce, lucidissima.» Daria Bignardi, Vanity Fair «Un narratore nato. Probabilmente uno dei migliori scrittori degli ultimi tempi.» Irvine Welsh «Da leggere: la storia cruda, sincera, struggente di un alcolista dipendente.» Marie Claire «È il resoconto più intenso e perfettamente dettagliato di un uomo che lotta per superare la propria dipendenza dalla droga e dall’alcol. E James Frey è tremendamente onesto e persino divertente; si avventura con stile infallibile in un mondo di personaggi alla ricerca disperata di aiuto. Leggetelo immediatamente.» Gus Van Sant «Una scrittura ossessiva, quasi esasperante. Una storia che, con le sue incursioni nella coscienza devastata di un alcolista, è difficile da mettere da parte.» Publishers Weekly James Frey, originario di Cleveland, è l’autore di In un milione di piccoli pezzi, Il mio amico Leonard, Buongiorno Los Angeles e L’ultimo testamento della sacra Bibbia, tutti best seller. Ha venduto più di venti milioni di copie in tutto il mondo e i suoi romanzi sono stati pubblicati in 42 Paesi. «Teso, emozionante, costruito con grande abilità… Un giallo che cattura dalla prima all’ultima pagina.» La Repubblica

Leonardo Gori IL PASSAGGIO Pagine: 320 – Prezzo: 15,00 € – Ebook: 6,99 € In libreria dal 16 gennaio Firenze, agosto 1944. Alleati e tedeschi si fronteggiano sulle sponde opposte dell’Arno. In mezzo, il capitano Arcieri indaga. Firenze, agosto 1944. L’Arno è diventato un confine invalicabile che taglia in due la città: di qua le truppe degli Alleati; di là i paracadutisti tedeschi del colonnello Fuchs e gli irriducibili cecchini fascisti di Pavolini; a farne le spese, la popolazione civile, stremata dalla fame e falcidiata da bombe, pallottole e malattie. Ai caduti per cause belliche a un tratto si aggiungono vittime di tutt’altro genere: una serie di omicidi efferati, enigmaticamente collegati tra loro. Per fare luce su questa ulteriore, sconcertante catena di morte, una composita squadra investigativa attraversa segretamente la frontiera tra i due mondi utilizzando l’unico passaggio ancora aperto, il Corridoio Vasariano, un tunnel aereo che corre tra Palazzo Pitti e quello della Signoria. Al comando c’è il capitano Bruno Arcieri, del Regio Esercito filo-alleato, al suo fianco un’esperta di storia dell’arte, un partigiano del CLN e un giornalista americano di Esquire. Chi o che cosa cercano? Quale intricatissimo mistero devono tentare a ogni costo di svelare? E per conto di quale elusivo «datore di lavoro»? In realtà, il loro incarico ufficiale ne nasconde numerosi altri, assai più personali, ambigui e sfuggenti. A uno a uno, i morti senza un perché faranno emergere i contorni di un progetto diabolico, un patto scellerato che i pochi spiriti liberi cercheranno disperatamente di scongiurare, in un crescendo mozzafiato di sorprese e colpi di scena, fino a una sconvolgente conclusione. Leonardo Gori vive a Firenze. È autore del ciclo dei romanzi di Bruno Arcieri: prima capitano dei Carabinieri nell’Italia degli anni Trenta, poi ufficiale dei Servizi segreti nella seconda guerra mondiale e infine inquieto senior citizen negli anni Sessanta del Novecento. Il primo romanzo della serie, in corso di edizione in questa collana, è Nero di maggio, ambientato a Firenze nel 1938, cui sono seguiti, tra gli altri, Il passaggio, L’angelo del fango (Premio Scerbanenco 2005), Musica nera, Lo specchio nero, Il fiore d’oro (questi ultimi due scritti con Franco Cardini), Il ritorno del colonnello Arcieri, Non è tempo di morire, L’ultima scelta e La nave dei vinti. Gori è anche autore di fortunati thriller storici e co-autore di importanti saggi sul fumetto e forme espressive correlate (illustrazione, cinema, disegno animato). Hanno scritto sulle indagini del Colonnello Arcieri: «Fedelmente ricalcato nelle geografie in bianco e nero dell’epoca, il romanzo si giustifica nell’originalità dell’impianto, nella fotografia smorzata o accecante dei caratteri, portandoci a spasso in una dimensione di delirio quasi onirico, ma purtroppo parte integrante del nostro passato.» Sergio Pent, La Stampa «Ho preso in mano il libro pensando di sfogliarlo soltanto e invece l’ho letto d’un fiato.» Sette «Arcieri è una sorta di detective antropologico che non indaga solo sugli omicidi. Nei gialli di Gori emerge sempre un ritratto fedele dell’Italia passata.» Il Fatto Quotidiano

Ana Johns

LA DONNA DAL KIMONO BIANCO Titolo originale: The Woman in the White Kimono – Traduzione di Maria Carla Dallavalle Pagine: 352 – Prezzo: 16,00 € – Ebook: 7,99 € In libreria dal 9 gennaio Giappone, 1957. Il matrimonio combinato della diciassettenne Naoko Nakamura con il figlio del socio di suo padre garantirebbe alla ragazza una posizione sociale di prestigio. Naoko, però, si è innamorata dell’uomo sbagliato: è un marinaio americano, quello che in Giappone viene definito un gaijin, uno straniero. Quando la ragazza scopre di essere incinta, la comprensione e l’affetto che sperava di trovare nei genitori si rivelano soltanto un’illusione. Ripudiata da chi dovrebbe starle vicino, Naoko sarà costretta a compiere scelte inimmaginabili, per qualunque donna ma soprattutto per una madre… Stati Uniti, oggi. Tori Kovač è una giornalista. Mentre si prende cura del padre, anziano e gravemente malato, trova una lettera che getta una luce sconvolgente sul passato della sua famiglia. Alla morte del padre, decisa a scoprire la verità, Tori intraprende un viaggio che la porta dall’altra parte del mondo, in un villaggio sulla costa giapponese. In quel luogo così remoto sarà costretta a fronteggiare i demoni del suo passato, ma anche a riscoprire le proprie radici… Nata e cresciuta a Detroit, Ana Johns ha studiato giornalismo e lavora da oltre vent’anni nel campo delle arti creative. La donna dal kimono bianco, tradotto in 18 Paesi, è il suo romanzo d’esordio, basato su eventi realmente accaduti, anche alla sua famiglia. Il suo sito è: anaJohns.com.

Nicoletta Giampietro Nessuno saprà che sei qui Titolo originale: Niemand Weiss, dass du hier bist – Traduzione di Francesca Gimelli Pagine: 416 – Prezzo: 12,90 € In libreria dal 20 febbraio Una splendida storia di formazione, coraggio e amicizia nell’Italia degli anni ’40 Siena, 1942: Lorenzo ha dodici anni e vive con il nonno e la zia. In città la guerra sembra lontana, e lui è libero di gironzolare nelle antiche piazze e nei vicoli soleggiati insieme a Franco, il suo migliore amico, con cui condivide un’ardente e sincera ammirazione per il Duce. Un giorno, però, conosce Daniele, un ragazzino ebreo con cui stringe subito amicizia. Daniele non ha l’aspetto forte e baldanzoso di Franco, ma un carattere più dolce, che Lorenzo sente più simile al proprio. A causa delle discriminazioni a cui viene sottoposto il suo nuovo amico, come l’esclusione da scuola, l’entusiasmo di Lorenzo per il Fascio diminuisce ogni giorno. Ma quando i tedeschi occupano la città e iniziano a deportare le famiglie ebree, Lorenzo non riesce a stare fermo a guardare. È il momento di prendere una decisione coraggiosa, anche a costo di perdere l’amicizia di Franco, o, peggio, di mettere in grave pericolo la propria famiglia. In una prosa emozionante e suggestiva, Nicoletta Giampiero racconta come – in un’epoca che ha perso la propria umanità – sia ancora possibile scegliere il bene. «Da zero al best seller: il primo romanzo di Nicoletta Giampietro ricostruisce meravigliosamente la Siena degli anni Quaranta, e schizza in cima alle classifiche.» Allegmeine Zeitung «Il romanzo d’esordio di Nicoletta Giampietro è splendido e sconvolgente.» Freie Presse «Un romanzo potentissimo, una voce incredibile.» Ruhr Nachirichten Nata nel 1960, Nicoletta Giampietro è cresciuta a Milano in una famiglia italo francese. Parla cinque lingue, ha studiato scienze politiche tra Milano e Tübingen e dal 1986 vive in Germania con il marito e i suoi quattro figli. Nessuno saprà che sei qui è il suo romanzo d’esordio.

Carlo Alberto Orlandi GLI ARCHIVI SEGRETI DELLA SEZIONE M Il mistero dell’Homunculus – Il segreto dell’alchimista Pagine: 320 – Prezzo: 13,90 € In libreria dal 13 febbraio Continuano le appassionanti storie della Sezione M. Un nuovo imperdibile episodio della serie di romanzi sullo sfondo dell’Italia degli anni Trenta. Il mistero dell’Homunculus. Quale segreto nasconde Martin Bergmann, lo scienziato russo che ha chiesto asilo politico in Italia? Perché i servizi segreti sovietici gli stanno dando la caccia? È la sua tecnica per rianimare i morti, o si tratta di qualcosa di più sinistro ancora? Il segreto dell’Alchimista. Sulle tracce di un leggendario alchimista vissuto secoli prima, la Sezione M e un gruppo di cardinali si alleano clandestinamente per sventare una minaccia che dalla Germania di Hitler arriva nel cuore di Roma. Ma qual è il segreto di cui i nazisti vogliono impossessarsi a tutti i costi? Carlo Alberto Orlandi, giovane archivista del Viminale, si occupò dal 1933 dei documenti della Sezione M. Nel giugno 1944, pochi giorni prima della Liberazione, caricato l’intero archivio sulla sua auto, Orlandi si allontanò da Roma, facendo perdere le sue tracce. A distanza di oltre settantant’anni, durante la ristrutturazione di una villa abbandonata sul litorale romano, vennero rinvenuti nel sottotetto due grossi faldoni contenenti decine di fascicoli dattiloscritti, palesemente risalenti agli anni del regime fascista. I documenti sono stati in seguito identificati proprio come i preziosi dossier della Sezione M, un materiale incredibile e del tutto inedito che, nelle mani di Giulio Leoni, Enrico Luceri e Massimo Pietroselli, amici e scrittori appassionati del mistero e dell’insolito, si è trasformato nelle storie narrate in questa serie di volumi che ci offrono, tra l’altro, un ritratto fedele dell’Italia degli anni Trenta.