4 Dicembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

Mario Biondi Sognando la vita Oligo Editore

Pagine 140, prezzo 16 euro

Che mondo di meraviglie gli era stato creato dal progresso. Anche se quando – fric-frac-swisc-swosc – si metteva in moto tutto quel bailamme automatizzato di scopa-lava-rammenda-stira-spruzza non gli piaceva molto essere lì. Però intanto la vita era diventata una specie di sogno.

Scrive Mario Biondi nella Premessa ai racconti: «Che la vita possa essere una sorta di sogno non l’ho certamente scoperto io, ma quanto più mi inoltro nella mia, tanto più fatico a distinguerla dai sogni. Mi scopro sempre più spesso a chiedermi: quella vicenda l’ho davvero vissuta o l’ho soltanto sognata? E quel luogo? Quando mai ci sono stato? Eppure è lì davanti alla mia mente, in tutti i minimi particolari. “Nel nostro cervello ci sono ricordi di fatti che in realtà non abbiamo mai vissuto”. È una frase che ho visto scritta su un muro tanti anni fa: sembrava fatta apposta per le storie che andavo via via raccontando. Se non li abbiamo vissuti nella realtà, quei fatti, come possiamo ricordarceli? Oppure il sogno è un’altra faccia della realtà? O forse il sogno è una realtà che viviamo in parallelo alla realtà concreta della vita?» Ecco il filo conduttore e il senso dei racconti qui raccolti.

MARIO BIONDI (Milano, 1939), poeta, narratore, critico letterario e traduttore, ha pubblicato una ventina di libri con diversi editori, tra i quali Rizzoli (cinque) e Longanesi (cinque). Per il romanzo Gli occhi di una donna gli è stato assegnato il Premio SuperCampiello nel 1985. Ha lavorato per oltre sedici anni in case editrici e poi ha continuato l’attività come libero consulente. Tra i settantadue libri che ha tradotto dall’angloamericano se ne annoverano diversi di quattro Premi Nobel (Singer, Soyinka, Golding e Pamuk).

Sono disponibili su richiesta i materiali per segnalazione/recensione/intervista