Natale e Capodanno nelle città d’arte:le proposte di Duetorrihotels

Le prossime vacanze sono l’occasione perfetta per immergersi nella bellezza delle città d’arte italiane, visitare nuove mostre, alloggiare nelle magnifiche strutture del gruppo Duetorrihotels e vivere le speciali proposte riservate agli ospiti. E così, tra brindisi e auguri, a Bologna si può ammirare l’estetica visionaria di Botero, a Firenze si incontra Pinocchio ricreato dai grandi artisti del ‘900 e si scopre il lato “giardiniere” di Leonardo da Vinci, a Verona si ascoltano i capolavori della lirica e della classica nell’Arena e a Genova si indaga sull’ispirazione di Alfred Hitchcock.

Il periodo delle Feste è il momento perfetto per organizzare un’esperienza di soggiorno emozionante in alcune delle più belle città italiane, Bologna, Firenze, Genova e Verona: Il gruppo Duetorrihotels ha in serbo quattro proposte per una vacanza originale nel segno dell’arte, della musica e della cultura. Appuntamento al Grand Hotel Majestic “già Baglioni”, al Due Torri Hotel, all’Hotel Bernini Palace e all’Hotel Bristol Palace per scoprire i più interessanti eventi culturali della stagione, dall’arte di Botero alla scienza di Leonardo da Vinci, passando per la musica di Puccini e le atmosfere di Hitchcock.

Bologna, Grand Hotel Majestic “già Baglioni”

L’unico 5 stelle Lusso dell’Emilia Romagna è il luogo ideale da dove partire per immergersi nel fascino delle Feste. Ad arricchire la bellezza della città anche le manifestazioni culturali, come la mostra dedicata a Botero, a Palazzo Pallavicini, visitabile fino al 26 gennaio. Bellezze giunoniche, rotondità esasperate, colori avvolgenti appartengono a una ricerca visiva originale ormai diventata una firma riconoscibile, anzi, un linguaggio.

È il momento di lasciarsi tentare dalle proposte gastronomiche a cura del ristorante I Carracci. Tante le idee gourmet per il periodo di Natale e Capodanno: dal rituale del tè di Christmas Decorations (7 dicembre), preparato insieme a Etiquette Academy Italy e Dammann Frères, ai Brunch, due a tema Natale (8 e 22 dicembre) e uno organizzato dopo Capodanno (1 gennaio), sempre in collaborazione con Etiquette Academy. Non mancano gli appuntamenti della tradizione, con i loro menù. Se la cena della Vigilia, il 24 dicembre, è dedicata prevalentemente al pesce e ai crostacei, il pranzo del 25 dicembre richiama fortemente la tradizione emiliana e bolognese, mentre il Cenone di San Silvestro segue un’ispirazione più contemporanea e ricca d’estro.

Firenze, Bernini Palace Hotel

Una meta invernale ricca di fascino: Firenze durante le Feste risplende come un gioiello. In questo periodo il Bernini Palace si trova più che mai al centro dell’offerta culturale cittadina. Inoltre, oltrepassando l’Arno, fino al 22 marzo si può ammirare la mostra dedicata a Pinocchio, nella sede di Villa Bardini: la marionetta di legno, creatura di Collodi, rivive attraverso l’immaginario collettivo, raccontato da opere di Giacometti, LaChapelle, Munari, Paladino, Calder, Ontani, McCarthy e Venturino Venturi. C’è tempo invece fino al 15 dicembre per visitare La Botanica di Leonardo, al Museo di Santa Maria Novella: un approfondimento tra arte e scienza, nello stile del genio fiorentino, rivolto alle meraviglie del mondo vegetale.

Le Feste sono l’occasione migliore per scoprire le proposte del ristorante La Chiostrina, ricavato sotto un portico del ‘500. Per il pranzo di Natale si possono assaporare piatti che si richiamano alla tradizione e speciali ricette a tema, mentre la cena di Capodanno è dedicata agli abbinamenti più originali, con una palette di aromi che spazia dal tartufo nero al cerfoglio, dal mango al lime. I primi profumati – il raviolo al cacao amaro con patata dolce e salvia, passatina di zucca gialla zafferano e gamberi rossi, ma anche il risotto vialone nano al Franciacorta, mirtillo, melograno e battuto d’anatra al ginger – aprono la via ai secondi piatti che sanno di terra e di mare, come i tournedos di vitello e il salmone scozzese. La serata prosegue scatenandosi sulle note del Dj Set allestito al Lounge Bar a partire dalle 23.30, per festeggiare in musica l’arrivo del 2020.

Verona, Due Torri Hotel

La magia delle Feste nella città di Romeo e Giulietta è ovunque: nelle strade medievali illuminate a festa, nella scenografia dell’Arena, nei monumenti e nei palazzi storici come quello che ospita il Due Torri Hotel. Il 5 stelle è rivenditore ufficiale della Fondazione Arena Verona, e permette di riservare, con vantaggiose proposte, i posti migliori per assistere agli spettacoli. Con l’approssimarsi del Natale, uno degli appuntamenti da non perdere è Madama Butterfly di Puccini (15, 17, 19 dicembre), un nuovo allestimento del Teatro Filarmonico co-prodotto con il teatro nazionale di Zagabria, con la regia di Andrea Cigni. Estremamente suggestivo anche il concerto di Capodanno diretto da Francesco Ommassini: il 31 dicembre si brinda con Puccini, Verdi, Boito, e Mascagni.

L’Hotel ha ideato anche speciali proposte gastronomiche che riguardano il mondo professionale e degli affari, dai cocktail – in versione classica o “rinforzata” – alle cene aziendali, con tre menù differenti tra i quali scegliere: occasioni preziose per scambiarsi gli auguri con i propri colleghi e collaboratori in una cornice scenografica. Il Due Torri Lounge & Restaurant ospita invece un Gran Galà di San Silvestro, una cena accompagnata dalle note dell’Elena Bruk Quartet. A tavola, un menù ricco di citazioni gourmet, accostamenti originali e brio, al profumo di mare: si servono lo “scampolo”, la capasanta, lo scorfano, l’ombrina, sempre associati ad aromi particolari, dall’aneto al sesamo nero, dal dashi alla scorzonera.

Genova, Hotel Bristol Palace

Genova e il fascino del suo mare in inverno non si battono: specialmente se abbinati a un soggiorno al Bristol Palace, elegante palazzo in stile liberty in pieno centro storico, un ottimo punto di partenza per un’esplorazione dei dintorni. Tra le tante personalità – attori, scrittori, teste coronate – ospitate negli anni dall’hotel, anche Alfred Hitchcock, in città per girare il suo primo film. Non sorprende che proprio il Bristol sia hospitality partner della mostra dedicata al maestro del brivido, visitabile fino all’8 marzo 2020 a Palazzo Ducale, a pochi passi. Un viaggio attraverso i più importanti film del regista, condito da dettagli interessanti sulle scene più famose e sulla sua biografia. D’altra parte, pare che lo scalone ellittico in marmo bianco in stile Liberty che si trova all’ingresso abbia ispirato ad Hitchcock la spirale di Vertigo, anche noto come “La donna che visse due volte”.

Il Bristol Palace non offre solo atmosfere cinematografiche e suggestive: lo chef ha in serbo idee interessanti per trascorrere momenti di spensieratezza e gusto. Il menù del pranzo natalizio alterna piatti più tradizionali, come il cappon magro della tradizione, in Bellavista, al raviolo di Paganini “al Tocco”, realizzato su ricetta del Maestro in persona, o al risotto Carnaroli versione invernale, con zucca, Castelmagno e Crumble di Amaretti di Sassello. Non mancano i brindisi, oltre che il panettone genovese, tondo e basso, detto pandolce, e il pandoro di Verona. A Capodanno i festeggiamenti si abbinano alla musica dal vivo, con un repertorio che spazia dai classici al jazz. In tavola, culatello di Zibello Dop, candele di Gragnano – tipico formato di pasta locale – con un buon ragù di scampi e gamberi con crema di broccoli, i ravioli del Plin al castelmagno, un filetto di ombrina Boccadoro e una gustosa sella di vitello al forno. 

Pin It on Pinterest