21 Settembre 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

L’Amministrazione di Caltanissetta affianchi i privati, soli artefici della crescita nella classifica del Sole 24 Ore

La consueta analisi del Sole 24 ore che analizza i benessere degli italiani nelle 107 province attraverso indicatori che rilevano l’attrattività turistica, attraverso l’analisi di alcuni servizi per lo svago della popolazione e l’offerta culturale, in un quadro problematico per la Sicilia che vede agli ultimi posti in particolare Caltanissetta, Agrigento ed Enna, nell’ordine, contiene alcuni dati che pongono la nostra provincia nella dinamicità del tempo libero al 95esimo posto ( su 107 province ), immediatamente dietro Trapani, ma avanti ad Agrigento ed Enna, mentre la troviamo al top, per esempio, molto distanziata da altre province siciliane nel numero dei concerti (28esimo posto – ovviamente in proporzione al numero di abitanti) e nel numero di giorni di permanenza nelle strutture ricettive ( 27esimo posto ).

https://lab24.ilsole24ore.com/indice-tempolibero/indexT.php

Due dati che analizzati attentamente premiano in modo logico il primo per la grande attività svolta nel territorio dall’Istituto Musicale “V. Bellini” ed il suo Direttore Angelo Licalsi, che hanno investito su concerti di altissima qualità al Teatro Margherita , nell’atrio della Scarabelli e a Palazzo Moncada, il secondo, più composito, colpisce perché pur considerando la componente dei soggiorni “stanziali” (lavoro, pendolari etc.) è un dato incredibile e da analizzare.

Da una lunga conversazione col Presidente della Pro Loco Giuseppe D’Antona abbiamo cercato di risalire alle motivazioni di questo dato, in quanto nessuno dei due crede a doni del cielo, o virtù dello spirito Santo. E abbiamo convenuto su alcune cose, che mi piace sottolineare, partendo dall’anno 2015, attraverso la collaborazione di aziende private, la Uno@uno e la Pro Loco, iniziavano un percorso di collaborazione in occasione della esposizione della Vara all’EXPO di Milano, lanciando un originale format di promozione turistica, “Taste&Win”, che dava la possibilità di vincere un soggiorno a Caltanissetta a quanti avessero scattato un selfie davanti la Vara dell’Ultima Cena esposta nel padiglione siciliano.

L’idea vincente era quella di utilizzare abitudini e strumenti informatici familiari al pubblico quale il Selfie, per promuovere il centro Sicilia, territorio tanto interessante quanto escluso dai normali circuiti turistici. Da quell’occasione e tutte le volte che Taste&Win è stato riproposto la città ha ospitato vincitori del soggiorno italiani e stranieri, vedendo allo stesso tempo crescere la visibilità di Caltanissetta sul web, anche con il contributo dei vincitori dei concorsi, divenuti ambasciatori e promoter del territorio, i quali formano una sorta di zoccolo duro che veicola tutti i post e i video immessi in rete, alcuni dei quali hanno raggiunto 100.000 visualizzazioni.

Questo fenomeno ha comportato un costante incremento delle presenze e anche qualche sold out, ma soprattutto ha veicolato il concetto di centralità di Caltanissetta nell’isola.

Il format (che ha fatto assegnare alla Pro Loco un prestigioso premio allo Smau di Napoli quale significativo metodo innovativo di propaganda del territorio) non si è interrotto e l’ultima edizione che ha portato Caltanissetta al FICO di Bologna con la presentazione da parte del Gruppo Alessi del Rollo e della Cubaita, ha avuto anch’esso un notevole riscontro e nel prossimo mese aspettiamo i vincitori di alcuni premi.

“Tutto ciò non sarebbe stato possibile, ha dichiarato Giuseppe D’Antona Presidente della Pro Loco di Caltanissetta se, tolta la presenza all’EXPO, fosse mancata la fiducia e l’intervento dei privati che hanno accettato e condiviso questo percorso, mettendo a disposizione le loro strutture per l’ospitalità e che sono stati costantemente vicini a questo progetto quali Beatrice Giammusso, Giacomo Fiocchi, Lucia Cosentino, Marco Matta ed i fratelli Alessi”.

“Una sinergia che spero continui e che veda interessata anche la nuova Amministrazione che non può delegare questo importante segmento economico, il settore turistico, esclusivamente alla Pro Loco ed ai privati, od a singole sporadiche iniziative.

Una considerazione condivisibile tenuto conto che l’Amministrazione può essere quel valore aggiunto, guida e indirizzo, che può determinare non solo il consolidamento di questo dato positivo, ma lavorare sugli altri indicatori per far si che Caltanissetta consolidi quell’idea che tutti esprimono e condividono, la centralità, e che grazie a Giuseppe Cannavò ed altri privati benemeriti che hanno iniziato un percorso si potrà portare Caltanissetta ben più in alto in ogni classifica”.