Luglio 30, 2021

Zarabazà

Solo buone notizie

L’albergo diffuso di Castiglione di Sicilia

Non ne scriviamo solo perché ha dato vita ad un albergo diffuso in un borgo antico e diroccato. Non ne scriviamo nemmeno solo per aver insufflato vita in un manipolo di case abbandonate dai suoi abitanti (con un flusso ininterrotto dal secondo dopoguerra del secolo scorso).

E ancora, non ne scriviamo solo per aver creato lavoro e aver resuscitato muri che grazie al turismo potranno stare in piedi per altri secoli o millenni. 

Valentino Nunzio ha puntato sulla sostenibilità economica dimostrando concretamente la possibilità di produrre ricchezza nel rispetto dell’ambiente e della cultura locale di Castiglione di Sicilia;  e, secondo motivo, ha realizzato un restauro conservativo che non elimina l’imperfezione al contrario, la esalta perché è il frutto di quella storia particolare ed originale che si vuole conservare. E così non si falsifica l’originale.


dentro il borgo medioevale di Castiglione di Sicilia a 640 metri di altezza dal mare di Giardini Naxos all’interno del Parco Fluviale dell’Alcantara e Parco dell’Etna, non immaginatevi il lusso tradizionale delle camere d’hotel splendenti che puzzano di formaldeide.

Le camere dell’albergo sono parche, di un minimalismo antico e raffinato, ricordano quei film in bianco e nero sul medioevo.

La permanenza presso l’albergo diffuso diventa occasione per poter degustare un territorio e in particolare i suoi vini.